Primarie, martedì a Milano la data: Traglio incontra i parlamentari Pd
Politica

Primarie, martedì a Milano la data: Traglio incontra i parlamentari Pd

Una data per le primarie del centrosinistra. E la parola fine sopra a una discussione a elastico sul sì o no al voto popolare per indicare il candidato sindaco del capoluogo. I prossimi giorni dovrebbero essere (finalmente) decisivi per dare una risposta ai tanti interrogativi rimasti in sospeso nel campo della maggioranza uscente a Palazzo Cernezzi. Martedì, a Milano, è stata convocata la riunione dei segretari provinciali del Partito Democratico. L’ordine del giorno è uno solo: individuare il giorno nel quale celebrare in tutta la Lombardia le primarie. Si parla del 12 o del 19 marzo. Date oltre le quali è in realtà impossibile andare; il governo dovrebbe indicare per il voto delle amministrative la giornata di domenica 28 maggio, e i candidati vincenti delle primarie avrebbero così poco più di due mesi per una campagna elettorale che si annuncia in ogni caso complicata.

A Como la situazione interna al centrosinistra si va facendo più chiara. La scelta di Maurizio Traglio di correre alle primarie ha, di fatto, spazzato via ogni ipotesi di indicazione del candidato sindaco che non fosse quella del voto popolare. Le primarie sono, a questo punto, un passaggio necessario.

Il segretario del Pd lariano, Angelo Orsenigo, ha incontrato nei giorni scorsi tutti coloro i quali, in un modo o nell’altro, avevano manifestato la propria disponibilità alla candidatura. La ricognizione è stata condotta con molta riservatezza e poco è trapelato sui singoli colloqui. Si sa soltanto che il problema più spinoso per Orsenigo riguarda la posizione di Bruno Magatti. L’assessore all’Ambiente del capoluogo ha ribadito la sua posizione critica verso il sistema delle primarie ma ha dovuto prendere atto dell’impossibilità di una candidatura “diretta”.

Per Magatti le opzioni possibili sono adesso tre: la corsa alle primarie, la lista autonoma o un’uscita di scena alla fine del mandato. Chi lavora con una certa intensità in vista delle primarie è invece Traglio, il cui gruppo di sostenitori – anche all’interno del centrosinistra – si allarga di giorno in giorno. Fonti interne al Pd annunciano per domani un incontro tra l’imprenditore lariano e i due parlamentari, Chiara Braga e Mauro Guerra. L’obiettivo di Traglio è chiaro: rompere in ogni modo il cerchio di una possibile ostilità interna ai Dem. Tra gli iscritti al Pd la figura dell’imprenditore potrebbe essere vista con diffidenza, anche per i suoi trascorsi politici in schieramenti liberal. Ragione per cui Traglio, in questo probabilmente consigliato dall’ala centrista, ha scelto di muoversi d’anticipo. Spiegando ai suoi interlocutori le ragioni di una scelta ad alcuni apparsa in qualche modo contraddittoria. Da. C.

22 gennaio 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto