Primarie, sinistra Pd in cerca di un candidato. Tagliabue: «Magatti sarebbe l’uomo giusto»
Politica

Primarie, sinistra Pd in cerca di un candidato. Tagliabue: «Magatti sarebbe l’uomo giusto»

Nel giorno in cui a Roma l’ex premier Massimo D’Alema sdogana per la prima volta l’ipotesi scissione, nel Pd comasco la sinistra Dem rimane incerta sul da farsi. E sembra cercare disperatamente un proprio candidato per le primarie. I segnali interni al Partito Democratico lariano sono peraltro chiari. Nessuno mette più in discussione le stesse primarie, che si faranno a metà marzo. Ciò che agita una parte del Pd è l’idea che nella consultazione di iscritti e simpatizzanti non ci sia spazio per un rappresentante della cosiddetta “sinistra”.

La situazione è spiegata bene da Fausto Tagliabue, già segretario generale della Cisl di Como e fino a poco tempo fa componente della segreteria cittadina del Pd. «Le primarie mi sembra che siano ormai inevitabili, quasi scontate – dice Tagliabue – in particolare dopo la disponibilità data da Maurizio Traglio». La possibile candidatura del presidente di Como Venture non preoccupa Tagliabue, che vede in questo passaggio invece un’opportunità. «Non c’è nulla di drammatico se Traglio sceglie di schierarsi con il centrosinistra – dice – pragmaticamente meglio con noi che dall’altra parte. Va letta il positivo la decisione di un pezzo del mondo industriale di appoggiare le nostre istanze. Tuttavia, credo che sia indispensabile la presenza, tra i candidati alle primarie, di qualcuno che dia voce al mondo del lavoro, al volontariato, a tutta quella parte di società che ha a cuore i temi della giustizia sociale».

Insomma, dice ancora Tagliabue, «solidarietà e impresa fanno parte del progetto del Pd, un partito in grado di tenere insieme tutte e due le cose». Il problema è chi possa rappresentare l’area descritta dall’ex segretario della Cisl. Quale sia il nome giusto. «Se l’assessore Bruno Magatti desse una disponibilità sarebbe probabilmente l’uomo giusto – insiste Tagliabue – per l’esperienza e le capacità che ha dimostrato in tutti questi anni. In ogni caso, auspico che Magatti si voglia impegnare e non fuori dal perimetro del centrosinistra».

Ciò che spaventa, dentro il Pd, è quindi la diaspora. Il dover affrontare la campagna elettorale senza aver coperto adeguatamente il lato sinistro della coalizione. Lato debole, si direbbe nel linguaggio cestistico, ma pur sempre importante e necessario. Da. C.

29 gennaio 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto