Cultura e spettacoli

Primavera con Capossela

 

altConcerti  – Già molto caldo oltreconfine il cartellone degli appuntamenti live. Doppia occasione sul Ceresio per ascoltare De Gregori
Moon & Stars di Locarno avrà ospiti  gli inossidabili ZZ Top e Neil Young
Non si è ancora spenta l’eco del successo delle date precedenti e già Giovanni Allevi aggiunge nuove tappe al suo “Sunrise Tour”, che sabato 16 marzo toccherà il PalaCongressi di Lugano, in Canton Ticino.
«Suonare dal vivo – ha raccontato Allevi in una recente intervista

al “Corriere di Como” – è importantissimo. Solo in concerto si completa l’emozione delle note grazie alla condivisione con il pubblico. Soprattutto in questo caso con l’orchestra e una violinista come Natalia Lomeiko che è una autentica virtuosa del violino».
Sul palco, come nel suo ultimo disco “Sunrise”, ci sono due momenti distinti che rispecchiano le sue anime di oggi.
Nella prima parte Allevi dirige l’orchestra e il violino, nella seconda suona il piano e dirige. Tutto ciò rappresenta la sua piccola Divina Commedia in musica: il violino è l’affondo nelle passioni umane, nel buio, nel gorgo dell’anima; il piano, invece, con il suo timbro acquatico incarna la tensione verso l’infinito.
Sempre in Canton Ticino, in questa caso all’Arena di Mendrisio, in via Angelo Maspoli 24 (vicino al Fox Town e all’uscita dell’autostrada), il 22 marzo è il turno di Vinicio Capossela. Prevendite in corso in Svizzera sul sito Internet www.biglietteria.ch e a Como da Renata Music in via Collegio dei Dottori. Il biglietto costa 28 franchi svizzeri, apertura porte alle 21, inizio live alle ore 22.30.
Dopo il mare e le balene, per Capitan Vinicio e la sua ciurma è arrivato il momento di attraccare con le canzoni di Rebetiko Gymnastas, il suo ultimo album.
«I porti sono per le musiche – ha detto Vinicio Capossela – quello che è il polline per i fiori. Queste sono musiche di porto che praticano esercizi, indiscipline individuali. Cavalli che provano a essere giraffe. Sono suonate in greco, per debito nei confronti della Grecia, che ha donato al mondo oltre alla civiltà anche una delle più straordinarie musiche urbane del mondo: il rebetiko, appunto. Sono pezzi che servono per fare esercizio di ribellione e di identità, per tenere in esercizio il mangas che è in noi. Per ricordarci che siamo originali: che abbiamo un’origine. Che siamo uomini, non solo consumatori e non abbiamo paura di consumare la vita. Questi sono esercizi allo scoperto, dove si viene a “scoprire” la vita».
La primavera dei cantautori in Canton Ticino potrà poi contare su un doppio live di alto bordo sul Ceresio.
Francesco De Gregori festeggia i primi 40 anni di Alice portando ancora “sulla strada” le sue nuove canzoni. Incoraggiando una ragazza del ’95 a spiccare il volo, cercando un nuovo viaggio da raccontare, ma soprattutto mettendo a nudo se stesso come mai aveva fatto prima. Basta ascoltare Guarda che non sono io, brano felicemente arrotondato dagli archi di Nicola Piovani, per capire quanto sia ancora urgente la necessità di distacco tra l’uomo e l’artista.
Una urgenza velata di malinconia, una richiesta consumata con delicatezza, con una voce che qui si fa nuovamente unica, che mostra più che altrove la cifra umana di questo nuovo disco. Quella artistica è ben nota e non sarà certo questo pugno di note a spostarla verso nuovi orizzonti sonori.
Il suo cammino questa volta si ferma al PalaCongressi di Lugano lunedì 22 aprile alle 21, ma il cantautore sarà già sul Ceresio il 16 marzo, nel Salone delle Feste del Casinò di Campione d’Italia. Ingresso con cena 100 euro, con solo drink 30 euro. Per prenotazioni chiamare i numeri 004191.640.11.11 e 00.800.800.777.00 (numero verde).
C’è grande attesa in Canton Ticino anche per i cartelloni delle prestigiose kermesse estive svizzere, dove per ora solo due manifestazioni hanno già riempito qualche casella: il festival Moon & Stars di Locarno con gli inossidabili paladini del rock duro ZZ Top, attesi il 4 luglio, e il mitico Neil Young con i suoi Crazy Horse previsto il 14 luglio; il Vallemaggia Magic Blues aspetta invece Eric Sardinas il 12 luglio e gli Status Quo il 2 agosto.

M. Prat.

Nella foto:
De Gregori in concerto a Villa Erba di Cernobbio nel 2001.
7 marzo 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto