Primavera da incorniciare; tante novità a Villa Carlotta
Cultura e spettacoli, Territorio

Primavera da incorniciare; tante novità a Villa Carlotta

Sul Lario uno degli scenari più ricchi di storia e bellezza per salutare degnamente l’arrivo della primavera è Villa Carlotta in Tremezzina, che riaprirà i battenti il 10 marzo, forte dei 208mila visitatori totalizzati lo scorso anno, che si sono lasciati affascinare dal magnifico parco botanico (celeberrimo per la stupefacente fioritura primaverile dei rododendri e delle azalee in oltre 150 varietà) e dalle sale ricche di capolavori d’arte. Villa Carlotta è un luogo di rara bellezza: qui capolavori della natura e dell’ingegno umano convivono armoniosamente in 70.000 mq tra giardini e strutture museali.
In una conca naturale, tra lago e montagne, il marchese Giorgio Clerici fece edificare alla fine del Seicento una splendida dimora, imponente ma sobria, circondata da un giardino all’italiana, di fronte ad uno scenario mozzafiato sulle dolomitiche Grigne e Bellagio.
Con Gian Battista Sommariva, il successivo proprietario, la villa toccò il sommo dello splendore, arricchendosi di opere d’arte. Sommariva, che acquisì la proprietà agli inizi dell’Ottocento, volle che parte del giardino fosse trasformato in uno straordinario parco romantico e che la villa venisse impreziosita con capolavori di Canova, Thorvaldsen e Hayez.
Il 2017 è un anno importante: l’Ente Villa Carlotta che gestisce la storica dimora e il parco botanico, tra i maggiori d’Europa, festeggia novant’anni di attività. Nel corso dell’anno è prevista una serie di eventi celebrativi, compreso un volume a cura di Maria Cristina Brunati e Giorgio Sassi, frutto del lavoro di ricerca condotto in occasione del riordino e inventariazione dell’Archivio Storico dell’Ente stesso.

I 90 anni saranno rievocati anche dall’iniziativa Raccontami la tua storia, rivolta a quanti con la loro presenza, dai giardinieri ai custodi, dagli abitanti del territorio ai visitatori, dagli sposi a quanti hanno voluto immortalare i ricordi più belli nella cornice di Villa Carlotta, hanno lasciato una memoria che merita di essere ricordata.
Villa Carlotta ha anche acquisito l’Archivio di Mariuccia Zecchinelli e Mario Belloni, studiosi di altissimo livello del patrimonio artistico e archeologico del Lario: un patrimonio di saperi da condividere.
E proprio nel segno della valorizzazione delle collezioni della villa è da segnalare la mostra Le porcellane di Carlotta. Sarà esposta al pubblico, dopo un attento lavoro di studio e valorizzazione del patrimonio museale dell’ente, una selezione accurata di preziosi servizi da tavola e da thè, vasi e oggetti decorativi di raffinata fattura, accanto ad oggetti d’uso domestico e quotidiano (11 marzo – 2 aprile).
Più avanti verrà anche presentata, dopo il restauro, la culla appartenuta a Giorgio II Sassonia Meiningen e riscoperta la dolce melodia di un antico carillion che accompagnava i sogni del piccolo duca.
La stagione 2017 di Villa Carlotta partirà all’insegna della memoria, per non dimenticare il vasto comparto agricolo un tempo fonte di sussistenza primaria per Villa Carlotta. Così ha preso forma l’idea di una rassegna espositiva dove il museo e lo spazio un tempo agricolo e ora riconsegnato alla comunità del pubblico di Villa Carlotta, diventano i luoghi di Alfredo Colombo, artista bergamasco, coniuga partendo dalla sua esperienza personale la memoria con i saper fare e i materiali per parlare a noi dell’arte. La sua personale Memorie di materia dall’11 marzo al 1° maggio proporrà opere composte da mazzi di fieno, gerle di vimini, attrezzi di legno, carriole, superficie pittoriche simili a distese arate di campi e terracotte, racchiuse in gabbie o isolate, ferro e metallo. A Villa Carlotta le tradizioni locali rivivranno poi in aprile con una grande mostra dedicata ai mascherai di Schignano in Valle Intelvi.

4 Marzo 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto