Primavera nel segno del Fai
Cultura e spettacoli

Primavera nel segno del Fai

Villa Balbianello a Lenno Villa Balbianello a Lenno

Nelle giornate di sabato 24 e domenica 25 marzo 2018, anche sul territorio comasco, si svolgeranno le Giornate Fai di Primavera, evento nazionale, quest’anno alla 26ª edizione, che in tutta Italia vedrà straordinariamente aperti 1.000 luoghi, con la finalità di far meglio conoscere il nostro territorio, raccogliere fondi per tutelarlo.
Quest’anno andiamo alla scoperta di luoghi cari a Angiola Maria Costanza Giuditta Negri, nata a Saronno il 26 ottobre 1797, figlia di Carlo Antonio Negri, farmacista speziale di Lomazzo e di Rachele Ferranti, di origine comasca. Studiò a Milano e intraprese una brillante carriera che la portò nei maggiori teatri europei, dove fece apprezzare la sua voce e soprattutto la sua capacità di interpretazione.
Amica di Stendhal e musa ispiratrice di Vincenzo Bellini e Gaetano Donizetti, che soggiornarono a lungo sul Lago di Como, Giuditta amava trascorrere il suo tempo a Blevio, a Villa Roda.
Partecipò ai moti del 1848 a fianco dei patrioti, piantando sulla vetta del Pizz – il colle di Brunate – la bandiera tricolore, intonando l’inno, per celebrare la vittoria degli insorti. Morì a Como il 1° aprile 1865 e ora riposa nel cimitero di Blevio.
«Si tratta di un’esperienza unica alla scoperta di luoghi cari a Giuditta Pasta» conferma la musicista e insegnante Roberta Di Febo, capo delegazione di Como, di nuova nomina.
I delegati, i giovani “Apprendisti Ciceroni” e i Volontari del Fai, con l’ausilio di guide turistiche professionali, accompagneranno il pubblico attraverso visite guidate in location esclusive e di charme collocate sul palcoscenico dello stupendo Lago di Como e del territorio circostante.
I beni aperti dalla Delegazione Fai di Como per l’occasione sono: il resort Casta Diva di Blevio, dove sorgeva un tempo il buen retiro della cantante Giuditta Pasta, il ridotto del Teatro Sociale di Como, il Conservatorio “Verdi” di Como, Palazzo Valli-Bruni (già Parravicini) in via Rodari 1 a Como, il Monumento ai caduti e teatro Licinium in Largo Clerici a Erba, Villa Ceriani a Lomazzo con le due chiese di San Vito e San Siro, Villa Arconati Crivelli a Rovellasca, aperti naturalmente anche i beni Fai storici come Villa Balbianello a Lenno nel Comune di Tremezzina, il bene Fai più visitato d’Italia, l’antica a Torre del Soccorso o del Barbarossa di Ossuccio e Villa Fogazzaro Roi a Valsolda.

Informazioni e aggiornamenti su orari e modalità sul sito Internet www.faiprenotazioni.it.

15 marzo 2018

Info Autore

Lorenzo

Lorenzo Morandotti lmorandotti@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto