Primo autotrapianto di staminali sul Lario

Medicina antitumore – Fino a oggi questo intervento poteva essere fatto soltanto a Monza o a Milano
L’ospedale Valduce sempre più all’avanguardia. Per la prima volta a Como è stato eseguito, nella struttura di via Dante, un autotrapianto di cellule staminali su una paziente di 56 anni colpita da un mieloma multiplo.
L’intervento è perfettamente riuscito. Si tratta di una procedura complessa, suddivisa in due momenti distinti, che fino a oggi imponeva al malato di recarsi a Monza o a Milano. Nella prima fase – definita di mobilizzazione e raccolta – le cellule staminali vengono

indotte, attraverso l’utilizzo di farmaci specifici, ad abbandonare il midollo osseo e a riversarsi nel sangue periferico. Qui vengono “pescate” in gran quantità e conservate a temperature molto basse all’interno di appositi contenitori.
Nella seconda fase, l’autotrapianto vero e proprio, le cellule vengono infuse al paziente dopo che questi è stato sottoposto a una chemioterapia di elevata intensità in grado di provocare un grave danno al midollo osseo.
Tale danno, chiamato aplasia midollare, ha una durata brevissima. Le cellule staminali, una volta infuse, iniziano rapidamente a produrre tutte le cellule del sangue. Dai globuli bianchi a quelli rossi, alle piastrine, riducendo notevolmente gli effetti dannosi della chemioterapia e la durata dell’aplasia midollare. «Per la prima volta in provincia di Como abbiamo eseguito questo intervento molto importante – dice Roberto Cairoli, primario di Medicina del Valduce – Ora anche altri pazienti potranno contare su questa tecnica».
D’ora in poi questo intervento, diventato standard di trattamento, potrà essere attuato anche a Como per curare mielomi, linfomi e leucemie acute. Si stimano circa 30 casi all’anno sul nostro territorio. «I pazienti sono in carico alla medicina interna. Qui vi sono diverse sottosezioni e chi necessiterà di questo specifico procedimento, ora potrà sottoporsi all’intervento da noi», conclude Roberto Cairoli.

Fabrizio Barabesi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.