Proclamato il primo sciopero del 2020: treni a rischio mercoledì 8 gennaio

Per ridurre i disagi ai pendolari Trenord confida sul senso di responsabilità dei lavoratori

Il 2020 è appena iniziato, eppure è già pronto il primo sciopero dell’anno. La prossima settimana la giornata dei possibili disagi per viaggiatori e pendolari sarà mercoledì 8 gennaio. La causa è lo sciopero del trasporto ferroviario regionale in Lombardia indetto dal sindacato Or.S.A. L’agitazione è prevista a partire dalle ore 3 di mercoledì 8 gennaio fino alle due del giorno successivo, giovedì 9 gennaio.
Il sito di Trenord, nella sezione avvisi, informa l’utenza che i servizi ferroviari Regionale, Suburbano, di Lunga Percorrenza e il servizio Aeroportuale, potranno subire variazioni o eventuali cancellazioni.
Inizio dell’anno in salita, dunque, per gli utenti della linea. Verranno comunque rispettate le fasce di garanzia, attive dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21, durante le quali viaggeranno i treni compresi nella lista dei «servizi minimi garantiti», consultabile nei prossimi giorni su trenord.it/trenigarantiti. I treni con arrivo a destinazione finale oltre le ore 9 e oltre le ore 21 (quindi fuori dalle fasce di garanzia) potrebbero essere limitati o cancellati.
L’azienda di trasporto avvisa che in «caso di non effettuazione del normale servizio aeroportuale, autobus sostitutivi “no-stop” saranno istituiti limitatamente ai collegamenti Milano Cadorna-Malpensa Aeroporto e Malpensa Aeroporto-Stabio». «Si invita a prestare attenzione sia agli annunci sonori trasmessi nelle stazioni sia alle informazioni in scorrimento sui monitor».
Attraverso una nota Trenord ha fatto sapere «di aver lavorato negli ultimi sei mesi con tutte le altre organizzazioni sindacali e di aver siglato tre accordi a favore dei lavoratori. Solo OrSA, che rappresenta poco più del 14% del personale, ha scelto la via conflittuale». L’azienda auspica che prevalga «il senso di responsabilità dei lavoratori per dimostrare ai cittadini il valore del servizio che Trenord offre».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.