Proiettili al direttore del penitenziario: condannato un 31enne

tribunale como palazzo di giustizia

Si è concluso ieri un processo inviato a Como e nato da una indagine della Dda relativa al Locale di ’ndrangheta di Cabiate. Al centro dell’attenzione c’era un presunto transito di armi dalla Svizzera (Lugano) alla Brianza comasca – due calibro 38, una calibro 9 – da utilizzate per la difesa personale di quelli che poi sono diventati gli imputati.

Ovvero un 61enne di Lipomo e un 53enne di Mariano Comense. Entrambi tuttavia ieri mattina sono stati assolti dal Collegio di Como. Una condanna – a due mesi e 15 giorni in continuazione – è stata comunque letta: riguardava, sempre nell’ambito dello stesso stralcio su Como, un episodio del maggio 2013 quando il direttore del carcere di Monza ricevette tre proiettili.

Per questo fatto di cronaca a pagare sarà un 31enne di Seregno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.