Pronto soccorso, ultimo weekend prima del piano. Da lunedì aumentano i posti letto

Il pronto soccorso dell'Ospedale Sant'Anna

Non è stato certo un inizio d’anno semplice per il pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna, che ha dovuto subire un’ondata di pazienti senza precedenti e, come se non bastasse, fare i conti pure con un episodio violento, commesso da un giovane nigeriano che voleva passare la notte nelle sale dell’ospedale.
La situazione dovrebbe però migliorare dopo il weekend. È attesa per lunedì prossimo, infatti, l’attivazione delle misure speciali per fare fronte al picco di influenza previsto proprio per questi giorni.
L’Asst Lariana potenzia le proprie capacità di ricovero, aggiungendo 20 nuovi posti. I nuovi letti saranno disponibili per quaranta giorni. Dieci saranno attivati 10 all’ospedale Sant’Anna di San Fermo, altrettanti al Sant’Antonio Abate di Cantù e altri 4, in caso di necessità, nella casa di riposo Fatebenefratelli di Solbiate.
Da giorni il virus influenzale sta portando con sé complicanze di tipo respiratorio e cardiache per molti pazienti, soprattutto per i più fragili come gli anziani e i bambini.
Il reparto di emergenza e urgenza del Sant’Anna ha superato i 240 accessi nel corso delle 24 ore, record assoluto dalla realizzazione del nuovo ospedale. Il Sant’Antonio Abate 110. Numeri record anche all’ospedale Valduce.
Nelle ultime ore la situazione è leggermente migliorata e si spera che il weekend possa trascorrere in modo non traumatico. L’alto numero di accessi aumenta a ogni modo i tempi di attesa per i cosiddetti codici minori. Chi non viene giudicato con un codice “giallo” o “rosso” rischia di passare fino a dieci ore in attesa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.