Cronaca

Prostituzione tra Italia e Francia, tre arresti in città

1indagUn immenso triangolo con i vertici in Nigeria, a Lille (in Francia) e a Como. È quello che è finito al centro di una maxi indagine internazionale con le polizie italiane e d’oltralpe impegnate nello sgominare una associazione per delinquere finalizzata alla tratta di essere umani, allo sfruttamento della prostituzione e al riciclaggio. L’operazione “Eva 59”, ha portato nelle scorse ore all’arresto di 24 persone tra Italia e Francia, tre delle quali residenti in centro città a Como, in via Belvedere.

Si tratta di moglie e marito di 34 e 38 anni (quest’ultimo gestore di un supermarket in via Napoleona) e del fratello della donna, 29 anni, tutti nati in Nigeria e in Italia da una decina di anni. Secondo l’ipotesi investigativa – la competenza territoriale è francese – avrebbero reinvestito i proventi derivanti dallo sfruttamento della prostituzione e che confluivano su Como. Soldi che, in pratica, finivano in Nigeria sotto forma di contanti, ma anche di automobili e elettrodomestici che venivano acquistati in Italia e rivenduti in Nigeria in negozi di sodali con l’associazione. Nella foto, un container riempito con merce acquistata con i soldi ricavati attraverso la prostituzione.

Ulteriori particolari sul Corriere di Como in edicola giovedì 15 maggio 

14 maggio 2014

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto