Pugni e calci alle auto e ai carabinieri. Un 32enne di Cantù in manette

Nella notte di mercoledì

(m.pv.) Prima – stando al racconto dei testimoni – se la sarebbe presa con una serie di auto parcheggiate in via Giovanni da Cermenate o addirittura in transito lungo la strada. Poi, una volta fermato dai carabinieri e condotto in caserma, ha reagito colpendo un militare tanto da richiedere l’intervento dei medici del pronto soccorso (cinque giorni di prognosi). Un 32enne di Cantù è così finito in tribunale, processato per direttissima. Assistito dall’avvocato Christian Mazzeo, ha scelto il

rito Abbreviato e tornerà in aula il 7 marzo. Le accuse parlano di lesioni e resistenza ad un pubblico ufficiale. Il fatto alle 23 di mercoledì. Alla centrale operativa di Cantù arrivano telefonate di cittadini che segnalano un giovane uomo che, forse ubriaco, prende a calci e pugni le macchine. Sul posto giunge una pattuglia del Radiomobile di Cantù che trova il 32enne seduto sul marciapiede in stato di forte ebbrezza alcolica (poi confermata dai test). Una volta in caserma però l’uomo ha cominciato ad inveire contro tutti, ferendo anche un carabiniere ad un braccio e tentando di scappare dagli uffici dell’Arma.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.