Pugno in faccia dopo la lite: condannato a cinque mesi

Tribunale di Como

Cinque mesi di condanna per un pugno al volto al termine di una lite. È la decisione del giudice monocratico di Como, Valeria Costi, per un episodio di violenza avvenuto in città nel giugno del 2015. Protagonista un ucraino 38enne (avvocato Pierpaolo Livio) che, al termine di un litigio fuori da una officina (pare per questione di soldi) colpì al volto un moldavo di 31 anni. Quest’ultimo rimediò fratture al volto e una prognosi di 25 giorni. Le accuse sono state quelle di ingiurie (per cui è stato assolto), lesioni personali e minacce. Disposto anche un risarcimento di 2.000 euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.