Punti persi, rimpianti azzurri di inizio stagione

«Abbiamo dimostrato di poter essere una squadra in grado di lottare per i vertici del campionato». Con questa constatazione mister Antonio Andreucci ha commentato il pari della sua squadra, domenica scorsa, sul campo di Caronno Pertusella.
Pareggiando 2-2 i lariani hanno bloccato una squadra che fino allo scorso fine settimana aveva sempre vinto. Ma, per come è arrivato, il risultato ha lasciato molta amarezza nella truppa azzurra, visto che il Como è stato raggiunto al 93’ su rigore. E pochi istanti prima l’attaccante Ameth Fall aveva sbagliato una clamorosa occasione, in contropiede solo davanti al portiere. «In certe situazioni devi segnare – ha concluso il mister – Non si può imprecare contro la malasorte quando si fanno questi errori e poi gli avversari pareggiano».
Un Como che rimane nelle parti alte della classifica, con le due capolista, il Gozzano e la stessa Caronnese, che dopo aver sempre vinto, nel sesto turno non sono andate oltre il pareggio e ora hanno 16 punti. Il Como insegue a quota 11.
Certo, con i se e con i ma non si fanno i punti, ma per come sono andate le partite finora, per gli uomini di mister Andreucci non mancano i rimpianti. In vantaggio con la Pro Sesto, i lariani si sono fatti raggiungere e superare in un gara terminata 1-2 per disattenzioni in una sfida che sarebbe potuta terminare con un pari.
A Tortona con il Derthona è arrivato un 1-1 con il Como ancora avanti e ripreso nel finale, ancora per una distrazione difensiva poco dopo un clamoroso errore sotto porta dell’attaccante lariano Pietro Fusi. Per i piemontesi, fanalino di coda del torneo, quello rimane l’unico punto conquistato finora. Poi, appunto, il rigore del 2-2 a Caronno Pertusella.
Il Como, insomma, costruito al volo nella seconda parte dell’estate, a quest’ora poteva essere in una situazione di classifica ben differente. Rimane oggettivamente l’impressione che questa squadra, una volta registrata meglio la difesa, e con un pizzico di concretezza in più in attacco, possa davvero recitare un ruolo importante.
In attesa del ritorno in campionato (domenica alle 15 al Sinigaglia con il Seregno) è alle porte il turno infrasettimanale di Coppa Italia. Alle 20 i lariani scendono in campo – ancora una volta in una partita secca – sul terreno della Folgore Caratese. La sfida è valida per i trentaduesimi di finale.
Il costo dei biglietti è di 10 euro (tribuna centrale) e 8 euro (settore ospiti). La biglietteria dello stadio aprirà alle ore 19. Oggi, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30 (domani dalle 9 alle 15) i tagliandi per la gara di Coppa, oltre a quelli per il match con il Seregno, saranno in vendita anche nella sede del Como allo stadio Sinigaglia.
Massimo Moscardi

Articoli correlati