Quattro automobili sequestrate, erano senza assicurazione

alt

Sette giorni di posti di blocco
Verifiche intensificate. Chi ha il tagliando scaduto deve pagare una salata multa di 841 euro

(a.cam.) Ben 4 automobili sequestrate nell’ultima settimana perché senza assicurazione.
È ormai un’emergenza quella dei veicoli in circolazione sulle strade lariane senza la necessaria copertura Rc auto. Nel mese di novembre, la sola polizia di frontiera ha già scoperto nove casi.
Negli ultimi sette giorni, sono stati 4 i sequestri effettuati a Como e dintorni. Il provvedimento scatta nel

momento in cui la polizza obbligatoria è scaduta da oltre un mese e non è stata rinnovata. Ai proprietari viene comminata una sanzione di 841 euro, importo che, come previsto dalle attuali normative, può essere ridotto del 30% in caso di pagamento entro cinque giorni. Due delle auto sono state controllate e poi sequestrate a Como, tra Ponte Chiasso e Monte Olimpino. Gli agenti hanno sequestrato una Mercedes Classe A guidata da un giovane di 25 anni della zona e una Hyundai Santa Fè di proprietà di un 38enne, anch’egli residente a Como. L’uomo è stato sanzionato anche per ulteriori 770 euro perché il veicolo, poi confiscato, non poteva circolare in quanto già sottoposto in precedenza a fermo amministrativo. La pattuglia della polizia di frontiera ha poi sequestrato un furgone Fiat Fiorino, fermato tra Tavernola e Cernobbio. L’ultimo veicolo senza assicurazione bloccato è una Citroen C3 di un 32enne fermato a Olgiate Comasco.
Nella prima metà del mese di novembre, gli stessi agenti della polizia di frontiera avevano sequestrato, tra Ponte Chiasso e Monte Olimpino, 5 mezzi sprovvisti di copertura assicurativa.
A incappare nei controlli erano stati un 42enne di Cornaredo (Svizzera) alla guida di una Audi A3; una donna di 32 anni di Faggeto Lario, proprietaria di una Ford Fiesta; un 38enne di Como a bordo di una Fiat Stilo; una 32enne di Olgiate Comasco con una Bmw 320. L’ultimo veicolo sequestrato era stato un furgoncino Fiat Fiorino, intestato a un’azienda palermitana. La piaga del mancato rinnovo della polizza assicurativa dei veicoli è in costante aumento nonostante i controlli e le pesanti sanzioni, che superano spesso i costi della polizza.

Nella foto:
Il tagliando dell’assicurazione va esposto sul parabrezza dell’automobile

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.