Quella tassa discriminatoria sulla prima casa

Italiani residenti oltreconfine

Ho letto con interesse, qualche settimana fa, a firma di Gerardo Petta e Mario Pingitore, un articolo su un quotidiano dell’emigrazione a proposito dell’inutilità dei parlamentari della Circoscrizione estero che non hanno mosso un dito  contro la tassa discriminatoria della prima casa degli italiani residenti oltreconfine.
Innanzitutto ringrazio gli autori dell’articolo per aver avuto  il coraggio di criticare l’operato dei suddetti  parlamentari con un’ironia intelligente e costruttiva e, poi, per  essersi espressi in modo semplice, chiaro e diretto  su questa problematica che dovrebbe far riflettere  tutta la comunità italiana, assieme ai Comites e al Cgie che hanno  altrettante  colpe. Questi tre Organi di rappresentanza degli italiani all’estero – Comites, Cgie e parlamentari – si sono rivelati, per l’ennesima volta,  inutili, come è stato  ben specificato  nell’articolo sopra citato.
Sembra che ad essi  interessi solo indire le elezioni del Comites  per la  primavera del 2014 e non l’abolizione della tassa sulla prima casa degli italiani all’estero.  
Mi auguro che  gli italiani residenti all’estero  si sveglino dal letargo in cui sono  caduti da molti anni   e inizino a far sentire la propria voce, altrimenti continueranno   a subire ogni sorta di ingiustizia, come la  tassa  sulla prima casa.
Infine non capisco nemmeno i Responsabili e i Partiti per l’Estero che sull’Imu continuano a ignorare  la gravità del problema, senza intraprendere delle   concrete iniziative.
Forse, perché non vogliono danneggiare i loro amici eletti nella Circoscrizione estero?  O si stanno già preparando per le prossime elezioni politiche?
State attenti però, egregi esponenti dell’emigrazione, perché la comunità italiana si sta stancando delle vostre  prese in giro e alla fine vi pagherà con la vostra  stessa moneta alla prossima tornata elettorale.
Maurizio Raviola – Zurigo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.