Questa mattina a Rebbio l’ultimo saluto al giovane travolto e ucciso in via Paoli

Il funerale di questa mattina a Rebbio

Sulla bara una fotografia di Gaetano Banfi e fiori bianchi. Nella chiesa di Rebbio l’abbraccio della famiglia, degli amici, dell’intera comunità. Si è tenuto questa mattina il funerale del 22enne morto all’alba di domenica dopo essere stato trovato in fin di vita a bordo strada, in via Pasquale Paoli a Como. In tanti lo conoscevano nel quartiere e hanno voluto essere presenti nel giorno dell’ultimo saluto.

Ha parlato di «una morte tragica e violenta di cui non conosciamo ancora i connotati» il parroco, don Giusto Della Valle che poi ha aggiunto, riferendosi anche alla professione del giovane (che era giardiniere): «A Gaetano piaceva passeggiare, il paradiso è un luogo di armonia, si trova assieme ai popoli della terra che contemplano il Signore». Durante e dopo l’omelia il pensiero è andato a mamma Stefania: «Mamma non piangere, il tuo sorriso è la mia pace».

Nel finale il parroco ha poi letto un messaggio della zia, che ha ricordato l’ultimo incontro con il nipote, e poi un altro della mamma: «Era un ragazzo semplice, riservato e senza tanti grilli per la testa. Amato da tutti. Un bravo ragazzo che si prendeva cura anche della sua mamma e che voleva bene a tutti indistintamente. Un angelo è volato in cielo: un falegname come il papà di Gesù e un bravo giardiniere che si occuperà del giardino del Signore. Riposa in pace, abbi cura di te e della tua anima, sono preziose per me».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.