Questione di gelosia: il rivale in amore uccide 44 pecore
Cronaca

Questione di gelosia: il rivale in amore uccide 44 pecore

Pare che a monte di tutto ci fosse una questione di gelosia. L’uno aveva come compagna di vita l’ex dell’altro. A farne le spese furono però 44 pecore, uccise (si presume per vendetta) dal rivale in amore.
Una vicenda ormai datata, che risale al 2011, ma che ieri mattina è finita in un aula di tribunale a Como. Unico imputato il presunto sterminatore di ovini, accusato – per l’insolita vicenda, quantomeno in riva al Lario – del reato di «uccisione di animali altrui», che può arrivare alla pena di quattro anni di reclusione «se commesso su tre o più capi bestiame raccolti in gregge».
La storia, come detto, risale al 23 maggio 2011 in un allevamento dell’Olgiatese. Il proprietario delle pecore – di ritorno alla sera dal lavoro in Svizzera – si trovò di fronte alla mattanza di pecore sgozzate oppure uccise con un oggetto contundente. L’uomo si presentò subito a sporgere denuncia querela per quanto avvenuto e sul posto arrivarono anche i veterinari dell’Asl.
Le indagini della Procura hanno poi portato ad attribuire le presunte responsabilità a un 70enne residente nella zona che avrebbe agito per gelosia, dato che il proprietario degli animali frequentava una sua ex. Ieri la vicenda delle 44 pecore uccise – che viaggia già sul limite della prescrizione – è approdata per la prima volta in aula di fronte al giudice monocratico Valeria Costi.
L’accusato non era in aula, rappresentato dal legale Giuseppe Sassi.
L’Enpa – Ente nazionale protezione animali – ha chiesto di costituirsi parte civile invocando un risarcimento del danno simbolico di 5mila euro (avvocato Massimo Di Marco). Non si è invece costituito il proprietario degli ovini. Il giudice ha poi accolto l’Enpa come parte del processo e l’udienza è stata rinviata al 19 aprile. «L’Ente nazionale protezione animali – ha detto l’avvocato Di Marco – ha svolto e continua a svolgere concretamente una costante opera di tutela dei diritti degli animali avendo per scopo principale la protezione degli animali e l’affermazione dei loro diritti così come previsto dall’art.1 dello statuto costitutivo».

10 Gennaio 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto