«Questo match può essere una svolta»

In campo alle 20.45 a Desio
Coach Trinchieri suona la carica a poche ore dall’inizio della partita
«La partita di oggi contro il Maccabi Tel Aviv è un punto di svolta delle nostre Top 16». Anche per coach Andrea Trinchieri la sfida che attende questa sera la sua Bennet al PalaDesio (ore 20.45) è dal sapore speciale. Il remake odierno di una partita che ha scritto pagine di storia del basket mondiale regge l’urto dei tempi d’oro, visto che potrebbe valere una fetta di qualificazione ai quarti di finale.
La Bennet, che in campionato perde qualche colpo (infatti è sul mercato alla ricerca di un play americano), in Europa sta sorprendendo un po’ tutti e oggi vuole continuare ad andare oltre i suoi limiti contro la corazzata gialla del grande ex, il gigante greco Sofo Schortsanitis.
«Il Maccabi, si sa, è una squadra molto fisica con tanti giocatori di esperienza – spiega Andrea Trinchieri – Ecco perché alla squadra chiederò uno sforzo ulteriore. All’inizio della stagione, la possibilità di misurarsi con le formazioni più forti d’Europa era per noi un sogno, e ora che è realtà dobbiamo fare il nostro massimo per onorare questa partita».
Vincere aprirebbe, e non poco, la porta verso il paradiso dei quarti di finale. Una prospettiva da brividi, gli stessi che alla vigilia prova l’ultimo arrivato in biancoblù, Greg Brunner, che non nasconde la sua emozione da principiante di Eurolega: «Solo due settimane fa ho esordito in Europa contro il Barcellona e oggi il nostro avversario si chiama Maccabi – afferma – Tutti conoscono la forza e l’importanza della squadra israeliana nel basket continentale. Per me sarà una grande emozione giocare contro questo club, ma devo guardare oltre le mie sensazioni perché abbiamo bisogno di una grande prestazione per provare a conquistare una vittoria fondamentale».
Oltre a Schortsanitis, il Maccabi si presenta al Paladesio con un roster di primo livello a disposizione dell’esperto coach americano David Blatt, già visto in Italia con la Benetton Treviso e anche alla guida della Nazionale russa. «Non siamo in un ottimo momento di forma – dice il coach gialloblù – Langford è ammalato, Shawn James è in dubbio per stasera e Schortsanitis sta facendo di tutto per tornare in buone condizioni. La Bennet è una squadra eccellente, che ha perso una sola gara in casa durante questa Eurolega: gioca ad ottimi livelli, con alte percentuali al tiro sia da due che da tre punti. Questa gara, sicuramente, non è un ostacolo facile da superare».
Pronto alla sfida anche la guardia del Maccabi, Tal Burstein: «Abbiamo archiviato la sconfitta nel campionato israeliano e ora siamo concentratissimi solo su Cantù – spiega – Ci serve un’ottima difesa, perché la Bennet è una squadra pericolosa, specie sul suo campo».
Oltre a Bennet-Maccabi, stasera si gioca anche Barcellona-Zalgiris. In classifica, comanda il Barcellona con 4 punti, davanti a Bennet e Maccabi a quota 2. Il Kaunas è a 0.

Andrea Piccinelli

Nella foto:
Un’immagine curiosa di Brunner, mentre si rimette una lente a contatto contro il Kaunas

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.