Ragazzi Terni pensavano preso codeina

Ipotesi gip su base testimonianze amici agli atti indagine

(ANSA) – TERNI, 10 LUG – Erano "forse" convinti di avere "acquistato e assunto codeina" mentre "invece si trattava di metadone" i due ragazzi trovati morti il 7 luglio nelle loro case di Terni. E’ l’ipotesi formulata dal gip convalidando il fermo di Aldo Maria Romboli. Provvedimento visionato dall’ANSA. Dall’indagine è emerso che già a giugno l’uomo aveva ceduto il metadone diluito ai due adolescenti. "Quella volta però – emerge dal provvedimento – l’indagato aveva detto loro che si trattava di codeina e non di metadone. Il Romboli ribadisce invece che il 6 luglio aveva detto ai ragazzi che la sostanza ceduta era effettivamente metadone". Per il giudice questa affermazione "contrasta" con quanto riferito agli inquirenti dagli amici di Flavio e Gianluca. Secondo i testimoni infatti quando i due ragazzi si erano sentiti male avevano detto che "era colpa della codeina comprata da Aldo". Romboli – scrive il gip – ha ha tuttavia negato "assolutamente di avere ceduto codeina, né il 6 luglio né in altre occasioni ai due ragazzi".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.