Rally Aci Como: tutto è pronto per il grande evento motoristico

Il Rally Aci Como 2016 prevede due gare, quella del Tricolore Wrc e quella del cosiddetto “Rally nazionale”, più corto. La scelta, per quanto riguarda il “Wrc”, è stata di dividere il rally in due parti, tra venerdì 21 e sabato 22 ottobre. Per quanto riguarda il “Rally Nazionale” l’approfondimento è nelle pagine XIV e XV di questo speciale.
I tracciati della corsa Wrc saranno fra Triangolo Lariano (rivoluzionati rispetto al passato) e le Valli Intelvi e Cavargna, ad Ovest del Lario. Circa 60 dei 109 chilometri di prove speciali, saranno sulla “Val Cavargna”, una delle più lunghe in Italia.
Si inizia domani mattina con lo shakedown (la prova delle vetture in assetto da gara) dalle 9.30 alle 13.30 in “Valfresca”.
Alle 15, poi, si parte con la tradizionale passerella da piazza Cavour e le prove nel Triangolo Lariano: alle 15.40 e alle 17.28 la “Nesso- Zelbio” (4,7 chilometri) e alle 16.34 e alle 18.22 la “Ghisallo”.
La “Nesso-Zelbio” è su un tratto della storica “Sormano”, che si farà in direzione opposta rispetto al passato e che è stata nettamente ridotta. Cosa che ha fatto storcere il naso a tanti appassionati che da sempre hanno prediletto questo tratto, che nel suo disegno originale partiva da Sormano e dopo il passaggio a Pian del Tivano terminava a Nesso.
La “Ghisallo” (11,24 chilometri) è invece sulla strada della vecchia “Piano Rancio”, ma non si parte più da Bellagio: il via sarà dal Ghisallo, appunto, a pochi passi dal Santuario caro ai ciclisti, l’arrivo è stato posto alle porte della “Perla del Lario”. Sarà curioso, soprattutto, vedere i concorrenti affrontare la non semplice discesa dopo Piano Rancio, che viene affrontata per la prima volta in questa gara.
Alle 19.20 ci sarà un nuovo passaggio-passerella in piazza Cavour prima del riordino notturno al Driver Park in via Paoli.
Si riparte al sabato mattina con i tratti nelle Valli, che non sono stati invece cambiati e che sono uguali agli ultimi anni: ci saranno dunque le prove “Alpe Grande” (8,86 chilometri, alle 9.43 e alle 14.14) e “Val Cavargna (29,72 chilometri) alle 10.35 e alle 15.06.
“Alpe Grande” è tutta in salita, una spettacolare scalata che prevede nel finale l’inversione della Bolla, uno dei passaggi più amati dagli appassionati.
La “Val Cavargna” (partenza da Corrido e traguardo a Grandola) è decisamente impegnativa, con i suoi cambi di ritmo, sicuramente decisiva per definire la classifica di questa corsa e del Campionato Italiano Wrc.
Alle 17, infine, è previsto l’arrivo con la festa finale e la premiazione in piazza Cavour con la cerimonia del podio e poi con la consegna dei riconoscimenti ai primi delle rispettive classi.
Senza dimenticare i trofei speciali, come quelli riservati alle scuderie o al migliore giovane della competizione lariana, dedicato a Luca Selva, 18enne grande appassionato di motori scomparso nel 2014 in un incidente sulla strada “Lariana”.

Articoli correlati