Rally di Montecarlo Wrc: i tre comaschi al traguardo della gara mondiale

© | . . L’arrivo del Rally di Montecarlo al castello del Principe Alberto

Tre piloti comaschi al traguardo del Rally di Montecarlo, la gara che ha aperto il Campionato del Mondo 2015. Compito non facile, se si considera che la corsa è stata disputata in condizioni difficili – neve, ghiaccio e nebbia sulle prove speciali – che hanno messo tutti in difficoltà.
Per tutti i comaschi la soddisfazione è stata grande. I migliori sono stati Felice Re e Mara Bariani, su Citroen Ds3-R5, che hanno terminato al 28° posto assoluto, secondi fra gli equipaggi italiani. Nella classifica delle vetture tricolori, la terza posizione è stata ad appannaggio della Ford Fiesta R5 di Marco Silva e Gianni Pina. Al 35° posto hanno invece chiuso Alessandro Re e Giacomo Ciucci (Citroen Ds3), sesti nel Mondiale Junior: per il pilota lariano sono i primi punti iridati. Per la cronaca il primo appuntamento del 2015 ha visto il successo dei francesi Sebastien Ogier e Julien Ingrassia, su Volkswagen Polo.
«È stato un onore disputare una gara del genere – commenta un soddisfatto Alessandro Re – Le condizioni dei primi tre giorni sono state completamente differenti rispetto alle mie abitudini: esordio sulla macchina, prima volta con il copilota Ciucci e con gomme da neve chiodate. Abbiamo fatto pochi test quindi abbiamo cercato di partire piano e aumentare senza prendere rischi».
«Una toccatina e qualche mio errore nel gestire i freni e nello scegliere le gomme ci hanno fatto perdere terreno – conclude – L’ultimo giorno ho ritrovato le condizioni di asciutto che conosco bene e infatti i tempi sono stati incoraggianti (tre podi in altrettante prove, incluso il mitico Turini)».
«Vogliamo ringraziare tutte le persone che ci hanno seguito e incoraggiato in questi giorni sul posto o attraverso Internet – commentano Marco Silva e Gianni Pina- Già partecipare a una gara così è un grosso impegno sotto ogni fronte. Corrervi e terminarla in condizioni veramente difficili non è stato semplice».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.