Rapinarono e ferirono una donna: fermate due persone

Operazione dei carabinieri di Fino Mornasco

Due uomini sono stati fermati dai carabinieri della stazione di Fino Mornasco. Sono ritenuti essere i responsabili del colpo andato in scena giovedì della scorsa settimana all’esterno di un supermercato della zona, l’Eurospin di via Adda. Colpo che avvenne nel primo pomeriggio.

Nei guai sono finiti un 42enne residente a Inveruno e un 26enne brasiliano irregolare in Italia. I due, domiciliati a Fino Mornasco, sarebbero finiti fin da subito sull’elenco dei sospettati, anche grazie alla descrizione fatta dalla vittima e dal racconto di alcuni testimoni. I militari hanno così effettuato una perquisizione domiciliare, trovando la pistola scacciacani che era stata utilizzata per la rapina – assieme a un coltello con cui venne anche ferita la vittima – e pure la borsa che era stata strappata con tanto di Bancomat. Non sarebbe invece stato ritrovato il coltello, probabilmente gettato nel bosco.
A carico dei due sospettati è stato emesso un fermo di polizia giudiziaria. Il fascicolo è sul tavolo del pm Simona De Salvo.

Una signora di 60 anni, residente a Casnate con Bernate, era stata avvicinata da due soggetti che, armati di coltello, la minacciarono. I due rapinatori, descritti intorno ai 30 anni, le intimarono di scendere dall’auto dove si trovava, una Mini Cooper. La signora però non si fece intimorire, rimanendo al volante e costringendo i malviventi a cambiare al volo il piano. I due infatti a quel punto strapparono alla donna la borsa che teneva sul sedile del passeggero scappando poi a piedi. Borsa poi ritrovata nella casa di Fino Mornasco che è stata perquisita.
Nel momento convulso, la vittima rimase anche ferita a un braccio dal coltello impugnato dal brasiliano. Una ferita superficiale che era stata comunque medicata dai medici del 118.

La 60enne era stata anche portata per precauzione al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia in codice verde, quello meno grave.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.