Record al Premio Chiara Giovani, 421 racconti sulla “libertà”

piero-chiara-porto-Luino

Il 7 aprile si è chiuso il bando del Premio Chiara Giovani 2021, concorso di scrittura per ragazzi tra 15 e 25 anni, italiani e svizzero-italiani, chiamati a produrre un racconto sulla traccia “Libertà”. <> La parola passa ora alla Giuria tecnica, per la prima volta presieduta dal vincitore del Premio Chiara Editi dell’anno precedente, la scrittrice Maria Attanasio; così sarà anche nei prossimi anni, in modo da unire il mondo della grande letteratura con quello dei giovani scrittori e conferire prestigio al concorso. Gli altri giurati sono Michele Airoldi docente Liceo Cavalieri Verbania, Andrea Bianchetti docente CPC Lugano e CPT Bellinzona, Cristina Boracchi dirigente Liceo Crespi Busto Arsizio, Davide Circello docente Liceo Lugano 1, Salvatore Consolo dirigente Liceo Classico Cairoli Varese, Marco Corso giornalista di Varesenews, Pier Paolo Pedrini docente STA Lugano e ricercatore. Saranno loro a scegliere i finalisti, che si pubblicheranno in un volume che verrà inviato ai 150 membri della Giuria dei Lettori, che con i loro voti determineranno il vincitore e la classifica dei premiati. Inoltre ci sarà il Premio Regio Insubrica, assegnato dalla Comunità di Lavoro a un racconto meritevole tra i finalisti provenienti dal territorio insubre. La premiazione del Premio Chiara Giovani 2021 domenica 17 ottobre 2021 ore 17.00 alla Sala Napoleonica delle Ville Ponti Varese. Al successo ha cooperato l’evento realizzato venerdì 19 marzo in streaming, nel quale il filosofo Vito Mancuso ha trattato l’argomento della “Libertà” con Armando Besio, con oltre 1600 spettatori in collegamento. Prossimo appuntamento martedì 11 maggio ore 16.00 con il card. Gianfranco Ravasi, che sarà intervistato da Armando Torno sul tema della “Speranza”: gli ospiti saranno collegati in remoto con pubblico contingentato in presenza alla Basilica San Vittore di Varese, su prenotazione obbligatoria alla pagina premiochiara.it/prenota. L’archivio dello scrittore luinese è stato curato dal critico comasco Federico Roncoroni, recentemente scomparso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.