Recuperato il corpo di Paola: era a 89 metri di profondità

alt

La giovane sub era adagiata su un fianco senza boccaglio. Sequestrata l’attrezzatura

È stata individuata alle 18 e recuperata dopo un’ora di lavoro.
Paola Nardini, 35 anni di Tavernerio, si trovava a 89 metri di profondità, adagiata su un fianco, senza il boccaglio.
Quel boccaglio che secondo le testimonianze di chi si è immerso con lei domenica mattina, si era strappato dopo una crisi forse dovuta ad un malore, forse ad altro.
Cause che ora toccherà ad una autopsia accertare. Intanto, tutta l’attrezzatura utilizzata per l’immersione è stata posta sotto

sequestro e verrà analizzata da un tecnico consulente della Procura per cercare di comprendere le cause dell’accaduto, nonostante l’esperienza della sub maturata in ore e ore di immersioni.
A trovare Paola è stato il robot trasportato dai sommozzatori di Milano fino alle acque del Lario.
Il corpo si trovava perpendicolare al punto di immersione, circa 150 metri a nord di Villa Geno. In un punto dove tuttavia la visibilità è scarsa, di poche decine di centimetri.
Era dalle prime ore di domenica pomeriggio che i vigili del fuoco di Como e i colleghi di Milano erano costantemente in immersione alla caccia del corpo della sub.
Ieri sera, quando ormai era trascorsa un’altra giornata senza ottenere risultati, il robot ha individuato Paola sul secondo pianoro a 89 metri di profondità (il primo, che era già stato scandagliato, era a 70 metri). Sul posto sono arrivati i carabinieri di Como e anche il medico legale che ha effettuato un primo esame esterno del corpo. Tutta l’attrezzatura, come detto, è stata recuperata e ora verrà analizzata con scrupolo. Come pure verrà effettuata l’autopsia sul corpo della sfortunata sub. Solo alla fine si potrà, si spera, dare una risposta a quanto accaduto domenica in quella che doveva essere una normale immersione in compagnia di due amici, poco distante da Villa Geno.

Mauro Peverelli

Nella foto:
Il recupero del corpo della sub 35enne, avvenuto nei pressi di Villa Geno (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.