Recupero notturno

Calcio – Prima vittoria “diplomatica” del Calcio Como che ha visto accolta la richiesta di giocare la partita contro la Pro Vercelli alle 20.30
Dopo due smacchi da parte della Lega Pro arriva la prima vittoria “diplomatica” della stagione per il Calcio Como.
Il recupero di mercoledì prossimo della gara interrotta con la Pro Vercelli sarà infatti giocato alle 20.30. L’orario che di fatto era stato chiesto dalla società lariana.
Una scelta che alla Lega Pro poteva anche andare bene, ma che non era condivisa dalla Pro Vercelli, che avrebbe preferito la disputa del match al pomeriggio. La società piemontese aveva addotto come

motivazione ufficiale il fatto che il suo presidente non poteva essere presente per impegni precedentemente presi.
Una proposta su basi abbastanza fragili, che ha portato la Lega Pro a dare ragione, in questa disputa, al Calcio Como.
Una scelta, quella delle 20.30, fortemente voluta dal presidente Antonio Di Bari, che in questo modo spera di avere un afflusso di pubblico più massiccio. Un po’ per l’incasso (i biglietti di domenica scorsa non sono più validi, abbonamenti compresi), ma soprattutto per avere più calore nei confronti della squadra azzurra.
Come detto, questa è anche da considerare una vittoria “diplomatica”, la prima in questa stagione, dopo che finora da parte della Lega Pro erano giunti due “niet” che sulle rive del Lario non erano stati troppo apprezzati.
Il primo riguardava la giornata d’esordio: il club aveva infatti chiesto di giocare fuori per consentire di completare al meglio le opere di manutenzione del terreno di gioco. E invece al turno d’apertura la Lega ha piazzato il “famigerato” Como-Pro Vercelli, che è stato poi sospeso per la pioggia.
Il secondo riguardava proprio il recupero, con la richiesta di scendere in campo contro i piemontesi il 21, proprio per consentire la prosecuzione dei lavori del prato dello stadio, sofferente per l’eccessiva presenza del grillotalpa. Ed invece la data imposta è stata il 14.
Ma almeno sull’orario la Lega ha aderito alla richiesta del club del presidente Di Bari. Le previsioni, per quel giorno, danno peraltro cielo sereno e temperatura sui 23°; il rischio di acquazzoni dovrebbe essere evitato.
C’è però una beffa per gli abbonati: il Calcio Como fa infatti sapere che anche chi ha la tessera dovrà comunque prendere il biglietto per il recupero con la Pro Vercelli. Cosa che farà storcere il naso a chi ha acquistato la tessera.
Anche in questo caso, come per chi aveva acquistato il biglietto per il match di domenica scorsa, saranno applicate riduzioni. Questi i prezzi fissati dal club: tribuna d’onore 40 euro, tribuna centrale 20 euro, tribuna centrale ridotto 15 euro, curva Como 8 euro e curva Como ridotto 5 euro.
Ma intanto, prima di pensare al recupero con la Pro Vercelli, la concentrazione degli azzurri è tutta sulla partita di domani a Foligno, prima trasferta della stagione contro una squadra che domenica scorsa è stata sconfitta per 2-0 fuori casa ad Avellino e che va a caccia dei primi punti stagionali.
Per mister Ernestino Ramella, allenatore del Como, dopo l’ultimo allenamento ci sono buone notizie. Nel gruppo dei convocati figura infatti, oltre ai 18 che domenica scorsa erano nell’elenco per Como-Pro Vercelli, anche l’attaccante Alberto Filippini, che della squadra è peraltro il capitano e rimane uno degli uomini di riferimento del gruppo.
Sono invece fuori causa i quattro che con la Pro Vercelli hanno marcato visita, Andrea Ardito, Francesco Ripa (che dovrebbe essere disponibile nel terzo turno per la sfida contro il Sorrento), Robson Toledo e Riccardo Romani. A loro va aggiunto anche il difensore Fabrice Som.
Quest’ultimo è stato infatti tesserato ufficialmente dalla società lariana, ma manca ancora il nulla osta per il suo utilizzo in campionato.

Massimo Moscardi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.