Regione e provincia sempre più vicine al passaggio in zona arancione

Centro storico di Como e secondo lockdown. Controlli della polizia di Stato.

Indice Rt superiore a 1 e situazione ancora critica a Como e in Lombardia a causa dei nuovi contagi da Coronavirus. Secondo l’esperto dell’Università dell’Insubria Davide Tosi i numeri sono destinati a salire ancora per le prossime due settimane. Si va verso restrizioni più severe quindi per tutto il territorio regionale, sono i numeri a dirlo. La situazione del territorio lariano è inoltre spesso peggiore di quella lombarda. Ieri sono stati registrati altri 260 positivi nella provincia di Como, che si colloca al quinto posto in Lombardia dopo Brescia con 901, Milano con 773, Monza Brianza con 274 e Varese con 273. Tutte province con una popolazione superiore rispetto a quella comasca.

Per quanto riguarda i casi ogni 100mila abitanti in un arco di 7 giorni (dato aggiornato al 23 febbraio), Como si trova al 18° posto nazionale. La graduatoria vede in vetta Bolzano con 509, la prima lombarda è Brescia con 367; dopo Como a 227 ecco Varese a 199, Monza a 180 e Lecco a 165. Un ordine di incidenza del virus che, come di consueto, il medico Paolo Spada rapporta nella pagina Facebook “Pillole di ottimismo” alla disponibilità di letti ospedalieri. In questo senso la provincia di Como, che già nella giornata di martedì era “rossa” con 202 casi ogni 100mila residenti, peggiora ulteriormente il suo status. La soglia regionale di tranquillità sarebbe a 149.
Sono cresciuti anche i ricoveri nelle strutture di Asst Lariana, passati in un giorno da 207 a 217. Due letti in più per la terapia intensiva al Sant’Anna, arrivata a 14, e 161 pazienti complessivi. Sono 18 i ricoverati al Sant’Antonio Abate di Cantù, 22 a Mariano. Erano in attesa al pronto soccorso ieri mattina 9 contagiati al Sant’Anna e 4 a Cantù.

Ieri si sono verificati anche due decessi tra i residenti nel nostro territorio (38 in tutta la Lombardia).
Tra i comuni maggiormente colpiti dal virus, risale la classifica Caslino Erba, che negli ultimi 5 giorni ha registrato ben 30 nuovi casi. Ora si trova al 9° posto in provincia di Como, con il 9,7% della popolazione contagiata dall’inizio della pandemia, al pari di Canzo. Da tempo questa graduatoria è guidata da Torno con il 13,36% seguita da Caglio (11,59%), Corrido (10,71%), poi Dizzasco e Asso, tutti sopra il 10%.

La situazione regionale è meno nera di quella locale. Diminuiscono infatti i ricoverati nelle terapie intensive e i decessi e scende il tasso di positività, ieri al 6,5%. A fronte di 50.268, sono 3.310 i nuovi positivi accertati, mentre i guariti e dimessi sono 2.762. Come detto, negli ospedali lombardi diminuiscono i ricoverati in terapia intensiva, due in meno in un giorno, per un totale di 406, mentre aumentano i pazienti Covid negli altri reparti, complessivamente 3.946, 29 in più.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.