Residenti stranieri nella nostra città: in totale sono 12.050
Territorio

Residenti stranieri nella nostra città: in totale sono 12.050

I residenti a Como di nazionalità straniera sono 12.050, e cioè il 14,07% della intera popolazione residente (85.655 persone, 40.997 maschi e 44.658 femmine). Statistiche diffuse da Marcello Iantorno, assessore comunale ai servizi demografici. Per quanto riguarda i cinesi, che oggi festeggiano il loro Capodanno, si parla di 457 persone (336 femmine e 221 maschi).
«L’età media degli stranieri residenti è giovane, 33 anni e 3 mesi», spiega Iantorno. I residenti di altri Paesi provengono da 129 Nazioni di tutto il mondo.
I comaschi di origine filippina sono i più numerosi (in totale 1.342). Seguono (considerando solo Stati con più di 100 residenti in città), cittadini provenienti da Turchia (1.065), Romania (1.037), Sri Lanka (844), Albania (764), Ucraina (538) e Tunisia (522).
Si passa poi a Nazioni che registrano meno di 500 persone: Marocco (440), Ecuador (428), Bangladesh (180), El Salvador (379), Ghana (328), Moldova (223), Perù (213), Nigeria (209), Egitto (207), Russia (163), Kosovo (156), Iran (129) e Repubblica Domenicana (102).
Qualche altra cifra: gli statunitensi sono 34, gli svizzeri 73, i francesi 96, i tedeschi 90 e i polacchi 84.
«Il numero dei residenti di origine straniera è in questi anni in aumento e raggiunge la importante percentuale di oltre il 14 per cento della popolazione residente: 12.050 su 85.655 residenti» spiega ancora l’assessore Iantorno.
«Si tratta di una popolazione giovane, dato che l’età media è di soli 33 anni – aggiunge – Como è ormai a tutti gli effetti una città multietnica, dove convivono persone di diversa cultura, formazione e religione; un fattore che accresce il tasso di internazionalità della città».
Secondo l’assessore questa nuova configurazione di Como è destinata a crescere negli anni. «Se rappresenta senz’altro una risorsa per la città – dice ancora Iantorno – pone alla stessa problemi nuovi e diversi rispetto al passato. I residenti di origine straniera contrastano con l’indice di vecchiaia della popolazione residente italiana e con il nostro basso indice di natalità».
«Allo stesso tempo queste persone costituiscono una opportunità nel campo lavorativo e una occasione di crescita culturale per l’arricchimento che apportano alle nostra cultura e formazione – dice ancora – Si tratta però di evitare che gli stranieri restino estranei o appartati rispetto alla città: occorre evitare che si formino separazioni che non giovano, o ghetti che possono danneggiare la vita di tutti e l’immagine di Como».
Quindi la conclusione dell’assessore: «Vanno favoriti lo scambio, la conoscenza e frequentazione tra le varie realtà: la diversità deve costituire una vera opportunità di crescita collettiva».

28 Gen 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto