Cultura e spettacoli

Restauri a regola d’arte, alta formazione sul Lario

L’Accademia Galli disposta a “curare” un bene culturale all’anno in città al costo dei soli materiali
Èstato presentato ufficialmente ieri un volume destinato a fare scuola, che fin dal titolo documenta un’attività in progress, Laboratorio di restauro, edito da Nodo Libri. L’opera testimonia i primi 35 anni di attività dell’officina di studiosi di restauro dell’Accademia di Belle Arti “Aldo Galli” di via Petrarca 9, a Como: oggi sono ben 60 gli iscritti, per un totale di 30 docenti (in tutto l’istituto, fondato nel ’76, ha 160 iscritti per 70 docenti).

I risultati documentano l’importanza per il territorio del progetto educativo dell’istituto comasco, che da due anni è entrato nell’orbita del prestigioso Istituto Europeo del Design (Ied), per aumentare ancora di più la propria offerta formativa ad ampio raggio e in una dimensione internazionale. In tutto i cantieri di restauro della Galli sono stati circa 150 in 35 anni di lavoro. E ora le prospettive sono di operare su tutti i fronti del restauro: dalla classica tela all’affresco, dall’oggetto di design al libro d’arte. Il laboratorio di Restauro della Galli si articola attualmente nei due settori dei “dipinti su supporto ligneo e tessile” e delle “superfici decorate dell’architettura”, in attesa di allargarsi, grazie alla laurea quinquennale che è in corso di attivazione, alle opere d’arte contemporanea. I risultati documentati dal libro di Nodo presentato ieri sono stati scelti quali testimonianze di un progetto che vuole essere prima di tutto educativo e implicitamente anche come monito al territorio e alla comunità lariani, perché si prendano cura dei beni culturali che hanno ricevuto in eredità dal passato.
Nel volume sono documentati tredici cantieri: per Como quelli della quadreria storica dell’Ospedale Sant’Anna, della galleria degli ex voto della basilica del Ss. Crocifisso e del Palazzo Porro nel centro storico; ma non mancano i piccoli centri delle province di Como e Varese (sono presenti schede dedicate ad Albate, Albese, Casalzuigno e Carate Urio). Per ogni restauro, le schede includono note storico-artistiche, sulle tecniche esecutive, sullo stato di conservazione, sulle procedure di restauro, nonché una ricca documentazione fotografica delle varie fasi di intervento. Un libro di testo e di studio, un contributo scientifico e non una mera vetrina celebrativa, insomma. Salvatore Amura, amministratore unico dell’Accademia, che ieri ha fatto gli onori di casa insieme con il direttore Clemente Tajana, ha tenuto a ringraziare pubblicamente il ruolo dell’onorevole lariano Alessio Butti nel sostegno alle attività dell’istituto, di cui ha saputo far valere le istanze a Roma. E ha ricordato al futuro sindaco di Como, quale che sia, una proposta già fatta alla precedente amministrazione: «Lasciateci restaurare un bene culturale all’anno, con la sola copertura dei costi vivi dei materiali a carico dell’ente pubblico. Penso alla fontana razionalista di Camerlata, ad esempio. Sarebbe per noi una grande esperienza didattica e un servizio alla comunità».
Ieri alla presentazione del volume hanno partecipato il prefetto Michele Tortora, l’amministratore delegato di Ied Felice Morelli, l’assessore regionale alla Cultura Valentina Aprea e il soprintendente Alberto Artioli.

Nella foto:
Una restauratrice dell’Accademia di Belle Arti “Aldo Galli” di Como al lavoro su alcuni dipinti da salvare
8 Mag 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto