Cronaca

Reti del gas, Acsm Agam si rivolge al giudice civile

alt

Appalto contestato
Dopo il ricorso al Tar, la multiutility apre una nuova vertenza contro Palazzo Cernezzi

Prosegue davvero senza esclusioni di colpi la cosiddetta “guerra del gas” a Como. E questa volta a tornare all’attacco è Acsm Agam, l’azienda che – formalmente – si è vista battuta da Enel Rete Gas ai tempi dell’appalto indetto da Palazzo Cernezzi per la gestione delle reti di distribuzione a Como e a San Fermo. Dopo il ricorso al Tar della scorsa primavera, infatti, ora l’azienda comasco-monzese si è rivolta direttamente al Tribunale civile, evidentemente per vedere riconosciuto un risarcimento

di tipo economico per un’esclusione che viene giudicata immotivata. In realtà, per conoscere con maggiori dettagli i contorni di questa nuova battaglia si dovrà attendere domani, quando la giunta di Palazzo Cernezzi – contro la quale si è mossa Acsm Agam – discuterà la mossa dell’azienda ed evidentemente deciderà le contromisure ufficiali.
Peraltro, l’affidamento delle proprie istanza anche alla giustizia civile non è il primo atto dirompente compiuto da Acsm Agam. La multiutility, infatti, la scorsa estate presentò già un ricorso al Tar per l’annullamento della gara che la vide esclusa a favore di Enel Rete Gas. All’epoca, in prima battuta, il Tar aveva concesso la sospensiva ad Acsm Agam, sostanzialmente bloccando l’iter dell’assegnazione prima del momento culminante, ovvero la firma del contratto tra Enel Rete Gas e amministrazione comunale. Ma la vicenda non si concluse così, poiché Acsm Agam successivamente rinunciò alla sospensiva sull’iter, ottenendo comunque lo stesso effetto. Il Comune di Como, infatti, finora ha sostanzialmente congelato la gara proprio in attesa che il Tar si pronunci in via definitiva sul merito del ricorso. Un passaggio, questo, che dovrebbe verificarsi nel prossimo mese di dicembre (ma, poi, si aprirà l’incognita del sempre possibile ricorso al Consiglio di Stato della parte soccombente).
Va ricordato, infine, che all’origine della poderosa guerra a suon di carte bollate in corso, un ruolo determinante ebbero le due relazioni scritte dai commissari Fabio Amatucci e Attilio Gugiatti, chiamati dal Comune a valutare eventuali anomalie nell’offerta vincente di Enel Rete Gas. I due esperti, infatti, ribadirono in due distinte occasioni al sindaco Mario Lucini molte perplessità sulla proposta dell’azienda vincitrice, arrivando addirittura a sostenere, con un documento del 27 maggio 2013 (il primo era del 24 aprile, ndr) che per il Comune sarebbe stato meglio annullare del tutto la gara.

E.C.

Nella foto:
La scorsa estate Palazzo Cernezzi ha congelato l’esito dell’appalto per la gestione delle reti del gas
26 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto