Riapertura dell’Asilo Sant’Elia: servono nuovi interventi. Lavori per 500mila euro

asilo d'infanzia Sant'Elia

Restauri contestati, lavori fermi e l’asilo Sant’Elia abbandonato in attesa degli interventi che avrebbero dovuto restituirlo alla città entro la Pasqua dello scorso anno. Poi l’arrivo della pandemia e il blocco totale del cantiere. A chiedere chiarimenti alla giunta sugli interventi ancora in programma all’asilo è stato lunedì sera, durante la seduta del consiglio comunale, il capogruppo del Pd Stefano Fanetti: «La pandemia ha fatto passare in secondo piano molte questioni aperte della città che devono ora tornare in cima alle priorità», ha detto l’esponente Dem.
A Fanetti ha risposto l’assessore ai Lavori pubblici, Pierangelo Gervasoni: «Sono necessari altri lavori – ha puntualizzato – È in programma un altro intervento alla struttura per circa 450-500mila euro, per sistemare l’asilo Sant’Elia e rimetterlo in funzione affinché i bambini lo possano utilizzare».
I tempi però non saranno brevi. «Ogni intervento in programma deve passare al vaglio della Soprintendenza e ci vuole il parere favorevole per ciascuno di essi», ha spiegato l’assessore Gervasoni.
Il progetto di restauro dell’Asilo Sant’Elia è stato autorizzato dalla Soprintendenza, ma nell’ultima sua fase è stato oggetto di contestazioni. L’edificio, progettato da Giuseppe Terragni, è un capolavoro razionalista del 1936-1937. Oggi si presenta con crepe sulla facciata e necessita di numerosi adeguamenti.
La speranza è che i lavori nella prestigiosa struttura di via Alciato possano ripartire al più presto, anche se prima di vedere riaperto l’asilo serviranno nuovi e costosi interventi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.