Ricatti e insulti razzisti a 15enne,presi 3 bulli

Richieste di denaro e sigarette

(ANSA) – ROMA, 01 OTT – Mesi di vessazioni, minacce e di insulti razzisti. Mesi di terrore per un 15enne originario dell’Africa vittima di tre bulli che sono stati i suoi aguzzini da maggio ad agosto. I tre, ora arrestati, bullizzavano il ragazzino via chat e avevano adottato account falsi bombardando la vittima di richieste di denaro e anche di pacchetti di sigarette pena ritorsioni, anche fisiche contro di lui e contro i suoi familiari. La vittima, piegata alle volontà dei suoi aguzzini che gli avevano indotto un perenne stato di paura e un fondato timore per la sua incolumità e per quelli dei familiari, ha iniziato a soffrire di disturbi d’ansia che lo hanno portato ad un lungo periodo di degenza al "Bambin Gesù". Il papà del 15enne allora ha deciso di chiedere aiuto ai Carabinieri della Compagnia Roma Trastevere che hanno immediatamente avviato un’attività d’indagine. Grazie ad accurati accertamenti su tabulati telefonici e dati telematici, i militari del Nucleo Operativo sono riusciti a stringere il cerchio intorno ai 3 responsabili, tutti studenti romani e coetanei della vittima (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.