Salgono ricavi e utili per Moncler. Previsto dividendo di 0,28 euro per azione

Tessile

Ricavi e utili in crescita per Moncler. Il gruppo di abbigliamento guidato dall’imprenditore comasco Remo Ruffini ha infatti chiuso il 2017 con risultati più che positivi, visto che il fatturato ha sfiorato quota 1,2 miliardi di euro (1.193,7 milioni per l’esattezza), con un incremento del 15% rispetto all’anno precedente. Ancora più consistente l’aumento dei profitti: l’utile netto consolidato è stato pari a 249,7 milioni contro i 196 dell’esercizio 2016 (+27%).

Il bilancio 2017 del gruppo Moncler è stato approvato lunedì scorso dal consiglio di amministrazione, riunito a Milano. Il cda ha proposto all’assemblea degli azionisti di distribuire un dividendo di 0,28 euro per azione ordinaria, per un totale di 70,8 milioni di euro. Il dividendo verrà posto in pagamento il prossimo 23 maggio (data stacco cedola 21 maggio e record data 22 maggio).

“Credo che una crescita a doppia cifra di tutti i principali indicatori economici ed una generazione di cassa di 200 milioni di euro confermino ancora una volta la grande forza di Moncler e la validità della nostra strategia – ha dichiarato Ruffini, che nel 2003 ha rilevato la Maison francese di cui oggi è presidente e amministratore delegato – Una strategia che da sempre si basa su pochi, semplici, capisaldi: unicità, selettività e controllo, che ci hanno permesso, negli anni, di realizzare una crescita solida e vigorosa”.

Dal punto di vista delle aree geografiche, l’incremento maggiore dei ricavi è stato registrato in Asia (+18%), mentre in Europa (Italia esclusa) l’aumento è stato del 16%, seguono le Americhe (+12%) e il nostro Paese, dove il fatturato è salito del 4%.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.