Rientra illegalmente, arrestato 42enne tornato in Italia dopo l’espulsione

Un posto di controllo della polizia locale di Cantù

Già espulso dall’Italia e rimpatriato con un volo per il Marocco nel 2019, con una lunga lista di accuse a suo carico e dieci anni trascorsi in carcere, un 42enne è stato bloccato dagli agenti della polizia locale di Cantù, intervenuti nella giornata di lunedì scorso in corso Europa per la segnalazione di uno straniero che dormiva nel parcheggio del centro commerciale. Accertato che l’uomo stava bene, non aveva problemi di salute e stava dormendo, visto che non aveva alcun documento i vigili lo hanno portato al comando di Cantù e poi in Questura per la verifica delle impronte digitali.
Dal controllo sono emersi i numerosi provvedimenti già a carico dell’uomo, nato in Marocco nel 1978 e, appunto, già espulso dal prefetto di Milano. Tra le accuse a suo carico falsa attestazione, danneggiamento, violazioni in tema di stupefacenti, ricettazione, porto di armi, guida senza patente, violazione di domicilio, fuga dopo un incidente con feriti. Dopo i controlli, il 42enne è stato arrestato per essere rientrato illegalmente in Italia. È stato processato ieri con rito direttissimo in tribunale a Como. L’udienza è stata aggiornata al 14 ottobre e al 42enne è stato imposto il divieto di dimora nell’intera Lombardia in attesa di ricomparire in aula.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.