Rime per piccoli poeti con Alberto Nessi

Alberto Nessi

Alberto Nessi, classe 1940, decano dei poeti ticinesi, pubblica un libro che solletica l’immaginazione e delizia con suoni e rime, destinato a far innamorare della poesia tutta la famiglia, sulla scia di grandi maestri come Gianni Rodari e del suo esegeta pittorico, il grafico e designer lariano di adozione Bruno Munari. Stiamo parlando di Rime facili per grandi e piccini con disegni della pluripremiata illustratrice ginevrina Albertine. Il libro, 96 pagine confezionate con maestria tipografica d’alta scuola, è edito da Casagrande e costa 22 euro. Dalla viola al geranio, dal gatto alla salamandra, nelle rime allegre e profonde, che restano dentro, di Alberto Nessi c’è tutto un mondo di piante e animali, fatto di semplicità nobile e antica, che dialoga con l’uomo. Un uomo che torna finalmente persona, protagonista di un dialogo vero, e non macchina o numero come vuole il cosiddetto modello di sviluppo di oggi. Un lettore che sa pensare ed emozionarsi, come un tempo. Come insegnano a fare da sempre i bambini. Una dopo l’altra, le filastrocche di Nessi aprono finestre di stupore, con immagini ironiche e surreali: ci troviamo ad esempio una strega che mangia “bio”, una lucertola che si specchia in una lacrima e una petunia vanitosa. Il libro verrà presentato domenica 17 marzo alle 17 a “La filanda” in via Industria 5 a Mendrisio, l’autore dialogherà con la giornalista culturale elvetica Maria Grazia Rabiolo.

Nessi ha molti estimatori anche sul Lario: di recente è stato ospite del circolo letterario Acarya di via Grandi e l’associazione Lithos di via Venturino a Breccia – che nel 2019 compie trent’anni di attività – lavora a una serata in suo onore che si terrà entro l’estate con proiezione di un video dedicato proprio al poeta ticinese e una mostra di edizioni d’arte e di poesia a tiratura limitata.

Da citare di Nessi un’altra recente fatica letteraria. L’editore Unicopli di recente ha proposto una collana interessante, “Le città letterarie”, sorta di mappe di orientamento che si basano sull’esperienza degli scrittori. La guida Svizzera italiana che in 197 pagine alterna quindici passeggiate. Qui Nessi esplora valli e località di quella “città diffusa” ancora poco conosciuta che si chiama Svizzera italiana: dal Mendrisiotto incuneato nella pianura lombarda alla Leventina già vestita di panni nordici, dall’azzurra Locarno alle vallate grigionesi di Poschiavo e Bregaglia, il viaggiatore va alla ricerca di tracce affettive, sociali, letterarie. In questo esiguo passaggio tra il Nord e il Sud dell’Europa si possono leggere più agevolmente, perché miniaturizzati, i segni della bellezza e dello spaesamento, in un territorio fatto di luoghi e “non luoghi”, incanti e disincanti, miti e realtà problematiche. Il libro costa 16 euro ed è in formato tascabile.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.