Rimpasto a Palazzo Cernezzi, Forza Italia propone Cioffi e Gervasoni

Pierangelo Gervasoni e Livia Cioffi. Sono questi i due nomi che Forza Italia ha presentato al sindaco di Como, Mario Landriscina, in vista del possibile rimpasto di giunta a Palazzo Cernezzi.
Due nomi scaturiti da una discussione interna molto tesa e a tratti lacerante, che si è prolungata ben oltre i tempi previsti.
Due nomi che probabilmente non mettono d’accordo tutti all’interno del partito ma permettono agli azzurri di tornare in giunta negli ultimi due anni di mandato con persone di esperienza.
Pierangelo Gervasoni, padre del consigliere forzista Davide (ed è una delle rare volte che padre e figlio saranno a Palazzo, l’uno in giunta e l’altro tra gli eletti), era stato assessore al Patrimonio nella seconda giunta Botta, tra il 1998 e il 2002. Era poi tornato in consiglio comunale sei anni dopo, nel 2008, subentrando come primo dei non eletti dell’Udc al compianto Beppe Santangelo, scomparso prematuramente nel corso del secondo mandato di Stefano Bruni. Nel 2012, Gervasoni si era candidato nel Pdl a sostegno di Laura Bordoli, ma non era stato eletto. Il figlio Davide, come detto, ne aveva raccolto il testimone presentandosi nel 2017 nella lista civica del sindaco “Insieme”. Primo dei non eletti, era a sua volta subentrato a Marco Galli, nominato in giunta come assessore allo Sport. Alcune incomprensioni all’interno della lista civica avevano poi convinto Gervasoni junior a passare tra le file di Forza Italia.
Livia Cioffi, invece, è l’attuale sindaco di Veleso, nonché presidente di Csu. Nata a Napoli, 51 anni, si è laureata in Economia e Commercio all’Università Federico II e lavora in Comune a Brunate, dove ricopre l’incarico di vicesegretario. Secondo i bene informati è considerata politicamente molto vicina al presidente del consiglio regionale Alessandro Fermi.
Pierangelo Gervasoni dovrebbe prendere il posto del dimissionario Vincenzo Bella, mentre Cioffi è in predicato di sostituire Carola Gentilini, attuale assessore alla Cultura cui il sindaco chiederà probabilmente di fare un passo indietro.
Adesso si attende la risposta di Landriscina, che dovrebbe essere ovviamente positiva. L’annuncio dei due nuovi assessori e del rientro di Forza Italia nell’esecutivo dovrebbe avvenire pubblicamente, forse nel corso di una conferenza stampa che al momento, però, non è stata ancora convocata.
Con il ritorno degli azzurri a pieno titolo in maggioranza, il centrodestra non avrà più problemi di numeri in consiglio comunale, problema che aveva causato moltissime fibrillazioni nell’ultimo anno: dal voto sul regolamento di polizia urbana, passato soltanto con l’appoggio decisivo della Lista Rapinese, al voto sul secondo dormitorio.

Articoli correlati

1 Commento

  • Avatar
    Giacomo Canfailla , 14 Luglio 2020 @ 6:40

    Mentre si pensava di aver toccato il fondo con la precedente amministrazione, sbagliando ovviamente, il degrado aumenta, ad esempio le buche nelle strade sono in alcuni punti pericolose, la strada che dalle caserme porta alla rotonda salendo mi ha gia’ ammaccato un cerchio, mentre quella che sale verso brunate e’ piena di cedimenti nell’ asfalto…..la via mentana non ne parliamo e potrei continuare…speriamo che il giro di Lombardia prossimo provveda come di consueto, peccato siano rappezzi che non durano , con il buio in moto pericoloso davvero, malgrado gli annunci nulla si muove, sono intenti a litigare, cambieranno alcuni componenti nell’orchestra ma suoneranno la stessa musica, vergogna !!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.