Rinnovato l’Ordine degli avvocati: sei donne su quindici consiglieri

Il presidente uscente Alessandro Patelli Il presidente uscente Alessandro Patelli

Sette volti nuovi, per lo più di giovani, e un aumento delle donne, sei su un totale di quindici consiglieri. L’Ordine degli avvocati di Como ha rinnovato il direttivo, che resterà in carica fino al 2018.
«L’educazione alla legalità è in assoluto una delle priorità sulle quali puntare», sottolinea il presidente uscente, Alessandro Patelli, il più votato nella nuova tornata elettorale.
Sul Lario sono 1.225 gli avvocati iscritti all’Ordine, che avevano quindi diritto di voto. L’affluenza ha superato leggermente il 50%, con 631 votanti. Il nuovo consiglio si riunirà per la prima volta il 9 febbraio e durante la seduta saranno nominati il presidente e affidati gli altri incarichi di rilievo.
L’ipotesi più accreditata è che si vada verso una rielezione del presidente uscente, Alessandro Patelli, che con 295 preferenze è risultato il più votato tra i candidati. Nell’elenco degli eletti compaiono poi Ernesto Tedesco (225 voti), Vincenzo Angelo Spezziga (208), Donata Colombo (198), Virginia Manzi (149), Enrico Fossati (147), Giuseppe Monti (142), Paolo Santarelli (138), Giovanna Petazzi (138), Marcello Iantorno (132), Antonella Attubato (128), Natalia Cattini (115), Claudio Ghislanzoni (113), Marco Albanese (99) e Francesca Minella (96).
«C’è stato un grande rinnovamento nel consiglio e questo è un aspetto importante – sottolinea Patelli – Alcuni avvocati che hanno lavorato a lungo e bene hanno deciso di lasciare spazio ad altri e questa è stata un’opportunità colta soprattutto dai giovani. Per il consiglio è un’iniezione di entusiasmo, idee e voglia di fare».
Il programma del mandato sarà stabilito nella prima riunione del nuovo consiglio. «Tra le priorità ci sarà sicuramente il lavoro sulla legalità e sull’educazione dei giovani alla legalità – dice il presidente uscente – Già nel mandato precedente abbiamo lavorato molto su questo tema, soprattutto con le scuole superiori del territorio. Non sappiamo quando si raccoglieranno i frutti di questo lavoro, ma è fondamentale almeno cominciare a seminare il germe della legalità, partendo proprio dai ragazzi».
Tra i consiglieri riconfermati c’è Marcello Iantorno. «Si apre una stagione di rinnovamento e di maggiore responsabilità dell’avvocatura – afferma – sempre più chiamata a svolgere un ruolo più attivo nella società e nel rapporto con le istituzioni. I nuovi consigli sono chiamati a migliorare le condizioni della Giustizia e ad elevare l’immagine e la considerazione pubblica della categoria, alquanto diminuite in questi ultimi anni».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.