Rispuntano le “case” dei disperati

Area ex Ticosa Spazi angusti protetti dal cellophane diventano rifugi
Scopelliti: «Il fenomeno si ripropone dopo ogni intervento»

Nella foto:
I segni evidenti della presenza di disperati e le loro “case” di fortuna nell’area ex Ticosa al confine con via Grandi (foto Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.