“Rottura del cuore” a Cantù. Salvato un paziente 60enne

Patologia rara
(a.cam.) Rottura del cuore. Un evento raro che, generalmente, ha esito letale. Si è invece risolto nel migliore dei modi per un 60enne di Cantù, soccorso e salvato dal 118. Il malore, che poteva risultare fatale, risale al 1° giugno scorso. Ma la notizia è stata resa nota solo nelle scorse ore, trascorso il tempo necessario per poter dichiarare il paziente fuori pericolo.
Attualmente, il canturino sta seguendo un percorso di riabilitazione, ma è guarito e non ha riportato alcun danno permanente.
I familiari hanno chiesto aiuto alle

8.48 del 1° giugno scorso. Il 60enne era incosciente e il caso è stato quindi classificato come “codice rosso”, ossia della massima urgenza. A Cantù sono state inviate l’ambulanza e l’auto infermieristica. In pochi minuti, l’operatore ha effettuato un elettrocardiogramma, inviato alla centrale operativa grazie alla telemetria.
Il referto ha evidenziato un infarto in corso, ma il medico della sala operativa di Como si è reso conto che c’era altro. Il paziente, dopo l’intervento dell’infermiere, aveva ripreso i sensi ma era cianotico. Da una settimana lamentava un dolore al petto, che però aveva attribuito a una sindrome influenzale. In pochi istanti, il cuore del 60enne si è fermato. L’uomo è stato rianimato sul posto e trasferito in elicottero all’ospedale di Lecco, in unità coronarica.
Un’ecografia al cuore ha confermato i sospetti del medico della centrale operativa del 118: rottura della parete cardiaca. Il 60enne canturino è stato dunque sottoposto immediatamente a un intervento cardiochirurgico, perfettamente riuscito. A distanza di due settimane, il paziente può considerare superata la fase critica. «Non ha deficit ed è in riabilitazione – confermano dal 118 – Si tratta di un caso eccezionale, che ha avuto esito favorevole grazie alla competenza e alla strettissima collaborazione degli operatori».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.