Cronaca

Rovello sarà senza passaggi a livello dal 2014

Mentre Como Borghi taglia ancora in due il capoluogo
Firmato ieri in Regione l’accordo per la realizzazione delle opere
Il paragone con il problema del passaggio a livello di Como Borghi è stridente, anche perché presto le tratte interrate delle Nord tra Milano e la Città di Volta rappresenteranno il 60% del percorso, ma nessuna di esse sarà a Como. Ma intanto, a Rovello Porro, nella Bassa Comasca, si procede a spron battuto verso la soluzione del problema della ferrovia che taglia in due il paese. Ieri l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo, insieme con il presidente della Provincia di Como, Leonardo Carioni, il sindaco di Rovello, Gabriele Cattaneo, e il presidente di Ferrovienord, Carlo Malugani, ha sottoscritto a Palazzo Lombardia l’accordo per la realizzazione delle opere viabilistiche che sostituiranno i tre passaggi a livello all’interno del territorio comunale di Rovello che, entro il 2014, verranno chiusi.
I lavori, che consistono in tre sottopassaggi (uno veicolare, uno ciclopedonale e uno pedonale) del valore di 4,5 milioni di euro, verranno cofinanziati per 3,6 milioni dalla Regione e per i restanti 900mila dal Comune comasco, che metterà anche a disposizione gratuitamente le aree per i lavori.
«Con questo intervento – commenta l’assessore Cattaneo – il 60% della tratta Milano-Como sarà privo di passaggi a livello: la loro eliminazione è una delle nostre priorità nell’ottica dello sviluppo della rete ferroviaria regionale. L’eliminazione delle barriere infatti renderà ancora più sicura la tratta, migliorando la regolarità e la velocità del servizio ferroviario, di cui vengono limitate le potenzialità in particolare sulle linee a doppio binario».
La chiusura dei passaggi a livello prevede la realizzazione di un sottopasso veicolare con una rampa nell’attuale area ferroviaria di via Vittorio Veneto e l’altra nell’area comunale di via Dante, di un sottopassaggio ciclopedonale lungo via Manzoni e di un sottopasso pedonale lungo via Verdi. Il progetto definitivo ed esecutivo sarà realizzato da Ferrovienord, mentre la Provincia agevolerà le modifiche alla viabilità, collaborerà nello sviluppo della parte progettuale di sua competenza e prenderà in carico la gestione della rotatoria.
L’accordo firmato ieri prevede il completamento delle opere entro la fine del 2014, ma tutti i sottoscrittori hanno promesso un’accelerazione dei lavori, in modo da chiudere i tre passaggi a livello e aprire la nuova viabilità con sei mesi d’anticipo.
Verranno subito eliminati due dei tre semafori di via Dante. Successivamente, dopo un periodo sperimentale, verrà valutata l’abolizione di un terzo semaforo. L’eliminazione delle barriere fa seguito a una richiesta del Comune di Rovello Porro che ne ha sottolineato la pericolosità oltre alle problematiche legate ai lunghi tempi di chiusura.
«Sono molto soddisfatto – ha detto il sindaco Cattaneo – perché è uno degli obiettivi più importanti che l’amministrazione si era posta; risolveremo un problema decennale del nostro paese che cambierà drasticamente anche la sua viabilità e la sua urbanistica, avvicinando i suoi confini ai Comuni limitrofi».
Attualmente, in mancanza di vie alternative, il traffico, anche pesante, si concentra sugli assi storici centrali ed esterni, ma è continuamente ostacolato dalla chiusura delle sbarre che, nell’arco della giornata, generano congestione e, nelle ore di punta, il blocco della circolazione. «La firma di oggi – ha concluso Carioni – è un passo avanti importante per la Bassa Comasca perché a livello trasportistico, viabilistico e in termini di sicurezza dei nostri cittadini colmiamo un ritardo trentennale».

30 Maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto