Rsf, meno giornalisti uccisi,49 nel 2019

Rapporto Ong francese

(ANSA) – PARIGI, 17 DIC – Il numero di giornalisti uccisi si è praticamente dimezzato nel 2019, scendendo ad un livello "storicamente basso" dall’inizio delle rivelazioni di Reporters Sans Frontières (Rsf): è quanto emerge dal bilancio annuale dell’Ong francese, secondo cui il giornalismo resta comunque un mestiere pericoloso. In totale, secondo il conteggio di Rsf, sono 49 i giornalisti uccisi nel mondo nel 2019, 46 uomini e tre donne, contro gli 80 del 2018. Tra le vittime, quest’anno, 36 giornalisti professionisti, 10 non professionisti e 3 collaboratori. Oltre metà di loro (29) sono stati uccisi in zone di pace e oltre il 60% deliberatamente assassinati per la loro professione. Quest’anno, nessun operatore dei media ha perso la vita durante un reportage all’estero, l’insieme dei morti è stato ucciso nel proprio Paese. Secondo Rsf, che pubblica questo rapporto annuale dal 1995, "bisogna risalire all’anno 2003 per avere un livello così basso di giornalisti uccisi".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.