Rubano da un’auto in via Cadorna. Incastrati dalle impronte digitali

Il colpo risaliva al giorno di Pasqua
Hanno rimediato 4 mesi a testa i tre stranieri (difesi dagli avvocati Arianna Liberatore e Daniela Danieli) fermati dalle volanti della polizia dopo un furto in via Cadorna avvenuto il giorno di Pasqua. A incastrarli le impronte digitali rilevate sul vetro della vettura che avevano preso di mira, non lasciate sulla parte esterna del vetro bensì su quella interna, mentre erano dunque intenti ad abbassare il finestrino. L’intervento risale come detto alla sera della domenica di Pasqua, quando gli agenti furono chiamati da alcuni cittadini che avevano notato movimenti anomali di alcuni stranieri attorno alle auto parcheggiate in via Cadorna. Una volta sul posto, i poliziotti riuscirono a intervenire e ad arrestare in flagranza di reato tre tunisini (dai 22 ai 24 anni) che avevano appena forzato il vetro di una vettura scappando con una borsa lasciata all’interno dell’auto. I tre ladri non fecero però molta strada, perchè immediatamente braccati e fermati dagli agenti delle volanti avvisati dai cittadini. Ora la vicenda si è chiusa in Tribunale con la pena di 4 mesi a testa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.