Rubano tra i green del golf di Cadenabbia. Denunciati due rumeni: pedinavano le vittime

Tribunale Como

Si sarebbero appiattiti in mezzo al verde tra i diversi green e i percorsi delle buche del Menaggio e Cadenabbia Golf Club.
Poi, nascosti da occhi indiscreti, avrebbero atteso il momento buono, ovvero quando i giocatori impegnati nel percorso si distraevano. A questo punto sarebbero usciti dalla macchia per rubare quanto trovavano nelle borse per poi riscappare in mezzo ai boschi prima che le vittime potessero intervenire per fermarli.
Due uomini, entrambi rumeni e senza fissa dimora, rispettivamente di 30 e 32 anni, sono però stati scoperti e denunciati a piede libero al termine di una indagine condotta dai carabinieri della stazione di Menaggio che ha già segnalato l’accaduto alla Procura della Repubblica di Como.
Decisive per risolvere il caso sono state le telecamere di videosorveglianza che si trovano nella zona.
Il furto denunciato sarebbe avvenuto nella giornata del 2 di luglio.
La refurtiva dei diversi colpi compiuti dalle sacche dei giocatori è stata sostanziosa. Come detto tuttavia l’analisi delle telecamere sia nel parcheggio del golf club, sia di quelle presenti nel comune lariano, ha permesso ai carabinieri della stazione di Menaggio di poter prima risalire all’autovettura utilizzata dai sospettati, poi ai due presunti ladri in azione al golf che sono infine stati fatti riconoscere a una coppia di coniugi vittima dei furti. Pare che marito e moglie siano addirittura stati seguiti in auto dai ladri sin dalla città di Como per poi esser derubati mentre giocavano a golf sul percorso di Menaggio.
I due sospettati sono stati denunciati a piede libero per furto aggravato in concorso. Solo alla coppia di coniugi di Como sarebbero stati sottratti oggetti preziosi quantificati in circa 40mila euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.