Russia si rifiuta di indagare sull’avvelenamento di Navalny

Chiesta dagli attivisti del Fondo Anticorruzione del dissidente

(ANSA) – MOSCA, 19 NOV – Il Dipartimento investigativo dei servizi di sicurezza russi (Fsb) si è rifiutato di aprire un’inchiesta penale sul sospetto avvelenamento del rivale numero uno di Vladimir Putin, Alexiei Navalny, come chiesto dagli attivisti del Fondo Anticorruzione del dissidente: lo riporta la testata online Meduza citando lo stesso Fondo Anticorruzione. I legali del Fondo Anticorruzione avevano chiesto all’Fsb di lanciare un’inchiesta penale per "sviluppo e produzione di armi chimiche" in base al fatto che gli esperti dell’Opac hanno confermato la presenza su Navalny della neurotossina Novichok, sviluppata in epoca sovietica. I servizi di sicurezza russi – stando al Fondo – hanno però risposto che a loro parere non ci sono le basi per aprire un’inchiesta. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.