Cronaca

Sabato denso di eventi collaterali. Un omaggio al pedale retrò

altCi sarà, tra l’altro, una esposizione di bici del passato
Una serie di iniziative per vivere la grande attesa del “Lombardia”, che domenica mattina prenderà il via dalla nostra città. Gli appuntamenti scatteranno la giornata di sabato 4 ottobre e proseguiranno domenica.
Punzonatura storica
In via Puecher a Como, davanti allo Yacht Club, dalle 15 alle 18 un gruppo di amanti del ciclismo retrò proporrà la storica punzonatura dei mezzi, così come avveniva negli anni del ciclismo eroico.
In mostra
Non mancheranno la mostra di bici

da lavoro e di mezzi storici. In particolare, grazie alla collaborazione con l’Associazione Nazionale Carabinieri di Lurago d’Erba, si potranno vedere una bicicletta da ufficiale della Prima guerra mondiale, una in dotazione ai reparti territoriali nel periodo tra le due guerre (1920-1940) e una Bianchi in dotazione alle Stazioni fino agli inizi degli anni ’60.
Le associazioni
Sempre sabato, in zona ci saranno i rappresentanti di sodalizi legati al mondo del ciclismo. “Como a ruota libera” si propone di promuovere una mobilità ecologica, economica, ecosostenibile: ossia una mobilità ciclabile.
“Ciclofficina par Tucc” ha come missione quella di incentivare l’uso della bici, oltre a rendersi disponibili ad effettuare riparazioni per rendere i mezzi più agevoli e sicuri. Effettua anche il ritiro di vecchie biciclette, indispensabili per riparare o costruire ex novo nuovi mezzi. Le due associazioni promuoveranno le loro iniziative anche domenica.
Gli amatori
Un gruppo di appassionati accompagnerà i corridori lungo il tragitto che collega la zona dello stadio (punto di ritrovo per le squadre) a piazza Cavour – luogo deputato per la firma del foglio di partenza -. Dopo lo start, in accordo con il comitato d’arrivo e col placet di Rcs, si dirigeranno a Bergamo per accogliere i ciclisti del “Lombardia”.
Suona la banda
Durante le operazioni di firma del foglio di partenza, alla presenza delle autorità, si esibirà la banda “La Cattolica” di Cantù che allieterà atleti, spettatori e tecnici con la sua musica per concludere con l’Inno di Mameli da eseguire a ridosso della partenza. Il via verrà dato con la bandiera usata il 6 giugno 1957 per dare il via della tappa Como-Trento Alta del 40° Giro d’Italia. Una frazione che fu vinta dallo spagnolo Miguel Poblet.

Nella foto:
Il tracciato
Ecco il percorso del “Lombardia” 2014. Dopo la partenza dalla città, i concorrenti passeranno da Cantù, Alzate, Erba, Canzo, Valbrona, Onno, Bellagio, Guello per poi salire al Ghisallo, quindi il transito da Asso, Eupilio e Pusiano. La corsa si sposterà poi nel Lecchese e successivamente nella Bergamasca, con il finale nella città orobica
2 ottobre 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto