Saggio di fine anno con Woody Allen al Carducci

Miriana Ronchetti

Il cinema diventa teatro. Sabato 29 giugno alle 21 all’istituto Carducci di viale Cavallotti 7 (ingresso libero ai soci dell’associazione Carducci, per gli altri contributo libero a favore di Teatro Arte Orizzonti Inclinati) va in scena la performance È arrivato Woody Allen? Si tratta di un incontro in forma teatrale dedicato alla filmografia del regista newyorkese con testo e regia di Miriana Ronchetti, allestimento scenico di Pietro Introzzi. Lo spettacolo costituisce il saggio di fine corso dell’associazione “Teatro Arte” di Miriana Ronchetti in collaborazione con Club Amici Salvatore Quasimodo di Como e Associazione “Giosue Carducci” di Como.

“Le persone vivono una vita assurda ma non ne sono consapevoli e quando vedono una piece teatrale al limite dell’assurdo, ne restano sbigottite. Ecco la conferma dell’inconsapevolezza”. Così Miriana Ronchetti introduce questo percorso di cui sono interpreti i suoi allievi Carlo Migliore, Emanuele Salvadè, Giorgio Corani, Laura Catelli, Marco Wenk, Marilena Ghezzi e Meghi Maggioni, “Tratta da alcune sceneggiature di Woody Allen, la performance – spiega Miriana – mette in rilievo quanto l’uomo di oggi sia sciocco, banale e confuso, tramite le sue parodie assurde ma nel contempo autentiche e attraverso personaggi tremendamente incoerenti. La comicità fredda di Woody Allen, spesso incomprensibile, è percorsa da una forte ironia che deriva dal suo aver compreso determinati pregiudizi, basati magari solo sull’aspetto fisico, sull’estrazione sociale o sulla fede religiosa. La finalità, fra sorriso e incomprensione, è far riflettere lo spettatore, provocare coloro che, in questa società, sono privi di slanci spontanei, sempre più ipocriti, incapaci di accogliere le diversità”. Così “gli attori giocano con le parole, le scene, divertendosi e con l’intenzione di far divertire lo spettatore, condividendo ironicamente ansie e allegrie, i linguaggi della realtà, i linguaggi della visione, del sogno, della provocazione spiazzante, degli slittamenti di senso”. Informazioni al numero 031.52.60.79.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.