Saldi, il bilancio si fa positivo

© | . .

Saldi, avanti tutta. A dieci giorni dal lento avvio, il bilancio delle vendite scontate vira al positivo. Affari in lieve calo rispetto al 3 gennaio – come detto da diversi commercianti – ma non mancano i sorrisi. Anche ieri mattina, in giro per le vie del centro storico, in molti si sono detti convinti di aver concluso il classico affare, con un capo puntato da tempo. Sacchetti, scontrini e commesse super-indaffarate hanno caratterizzato lo scenario presente in molti negozi. Nei punti vendita in franchising, rispetto alla settimana scorsa, ci si riusciva a muovere con maggior facilità anche se la corsa all’ultimo capo è proseguita in maniera incessante. E tra i tanti maniaci dello shopping c’è chi ha un piccolo rimpianto.
«Non essendo molto attirato dai generi classici che si vendono durante questo periodo, mi piacerebbe poter acquistare in saldo libri e dischi. Allora sarei sicuramente in caccia perenne. Per il resto spenderò sicuramente qualcosa ma senza affanno», dice Riccardo Bani. C’è però, ovviamente, chi la pensa in maniera differente e, mentre spulcia negli scaffali di un negozio di abbigliamento, “confessa”.
«Ho già acquistato diversi capi la scorsa settimana. E anche oggi sono qui per vedere cosa c’è di bello – dice con un sorriso Simona Bigliati – Ho i mie negozi di fiducia, ma poi naturalmente guardo anche le offerte degli altri. Questi periodi sono sicuramente un appuntamento immancabile, consentono infatti di poter comprare capi o altro che solitamente non si possono acquistare».
E come detto anche gli esercenti appaiono moderatamente soddisfatti. «Non ci possiamo lamentare, sta andando decisamente bene – dice Matteo Pirovano di “Original Marines” – Siamo addirittura rimasti senza scorte e attendiamo di ricevere altro materiale. Il successo è forse dovuto al fatto che noi siamo partiti immediatamente con sconti del 50% e la gente si è fatta tentare. Molti i vestiti e i pigiami presi per i piccolini». Sempre in centro storico sono tante le voci entusiaste. «Sta andando decisamente bene. Non come l’avvio sprint del primo weekend ma in ogni caso l’afflusso c’è e gli acquisti anche. Sono contenta – spiega Martina Gargioni della boutique “Only” – Speriamo vada avanti così. Noi siamo partiti con sconti fino al 30%. Ora progressivamente stiamo ampliando la percentuale su quanto rimasto e oggi esponiamo capi con anche il 50% di ribasso».
«Stiamo vendendo molto. Siamo partiti al massimo e ora c’è un rallentamento fisiologico ma il livello rimane alto. Facciamo sconti differenti a seconda delle scarpe. Dal 10% fino al 30%», spiega Alessandra De Michele di “Via Maestra”. Ma c’è anche chi il budget per i saldi preferisce utilizzarlo per altro. «Nessun acquisto scontato. Preferisco usare quanto risparmiato per organizzare un bel viaggio. Sto infatti per andare due settimane al mare e gli euro destinati ai saldi saranno utili per accrescere le risorse destinate alle vacanza», spiega Leida Abiendi.
«Far scattare i saldi in anticipo il 3 gennaio, in piene vacanze di Natale e con ancora la Befana da festeggiare, è stata una decisione saggia. Abbiamo infatti concluso buonissimi affari», dice Samanta Surianello di Benetton.
«Certo che vado alla caccia di affari. Ho previsto di spendere almeno 200 euro durante i saldi», conclude Saverio Ripepi con alcuni sacchetti in mano.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.