Salgono a 23 milioni di euro i soldi per rifare la galleria

Oggi l’Anas pubblica sulla Gazzetta Ufficiale il bando di gara per l’appalto
Il cantiere questa volta partirà davvero. E salgono a 23 milioni di euro i soldi messi in campo dall’Anas per rifare e rendere più sicuro il tunnel di Cernobbio. Oggi sulla Gazzetta Ufficiale verrà pubblicato il bando di gara dei lavori per il miglioramento delle condizioni di sicurezza della galleria che, lungo la statale Regina, collega Cernobbio a Moltrasio.
Si tratta di un passo formale, ma indispensabile per procedere all’appalto delle opere. Un passo che di fatto spiana la
strada alla ristrutturazione del tunnel. Un intervento atteso da anni, visto che nel gennaio del 2008 i tecnici del consorzio Eurotap – costituito dai principali Automobile Club d’Europa – l’avevano giudicata una galleria pericolosa, soprattutto in caso di incendio, per l’inadeguatezza delle vie di fuga e dell’impianto di ventilazione.
Nel 2009 l’Anas aveva presentato ufficialmente un progetto da 5 milioni di euro per renderla sicura, ma da allora nulla si era più saputo. Ora, invece, l’ente nazionale che gestisce le principali arterie del Paese finalmente si è mosso. E, al termine della gara d’appalto – la consegna delle domande di partecipazione è prevista entro l’inizio di aprile – farà partire il cantiere, che durerà 700 giorni.
Il “Corriere di Como” e l’emittente Etv nelle ultime settimane avevano più volte denunciato l’assenza di notizie sul fronte della ristrutturazione del tunnel. E avevano raccolto le voci preoccupate delle istituzioni, degli automobilisti e delle associazioni imprenditoriali, di tutti coloro che, per lavoro o per svago, percorrono la galleria, costruita nel 1983 e ormai superata sul fronte della sicurezza. Sotto i 2,4 chilometri di lunghezza del tunnel di Cernobbio transitano infatti 18mila veicoli al giorno, nel 15% dei casi mezzi pesanti.
Ora l’Anas interviene. Non più soltanto a parole, ma con i fatti. Già dall’inizio di questa settimana sono partiti i lavori di manutenzione ordinaria all’interno della galleria. E oggi, come detto, viene pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando per l’intervento più sostanzioso, quello da 23 milioni di euro, che prevede, spiega la stessa Anas, «la realizzazione di una nuova controsoffittatura per la ventilazione, l’adeguamento della via di fuga esistente, opere di consolidamento ed impermeabilizzazione e il rivestimento dei piedritti del tunnel», ovvero delle pareti verticali del tunnel.
«Questi lavori di ingegneria civile – sottolinea in una nota l’amministratore unico dell’Anas, Pietro Ciucci – hanno comportato un investimento pari a 14 milioni di euro, completamente finanziati con fondi di bilancio dell’Anas, cui si aggiungono ulteriori 9 milioni di euro di opere impiantistiche, che verranno realizzate dal concessionario Tunnel Gest spa al termine dei 700 giorni previsti, a far data dal verbale di consegna, per l’esecuzione dei lavori di miglioramento strutturale».
«Le attività che l’Anas eseguirà all’interno della galleria di Cernobbio – conclude Pietro Ciucci – per un totale di 23 milioni di euro confermano l’impegno della società per la ristrutturazione del tunnel comasco e per l’implementazione degli standard di sicurezza».
L’appalto verrà aggiudicato secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Le domande di partecipazione dovranno pervenire all’Anas entro le 19.30 del 2 aprile 2012.
Proseguiranno intanto tutte le notti, fino a sabato, i lavori di manutenzione ordinaria avviati lunedì. L’Anas ha disposto il senso unico in direzione Menaggio dalle 21 alle 5. In pratica viene chiusa la corsia di marcia in direzione Sud (da Menaggio verso il capoluogo) e i veicoli diretti a Como da Moltrasio devono così passare attraverso Cernobbio.
Gli addetti dell’impresa Cidieffe di Colico sono all’opera per migliorare le condizioni di visibilità e di sicurezza del tunnel, posando nuovi cartelli e verificando il funzionamento delle luci e le dotazioni di idranti antincendio.
La galleria non sarà transitabile tutto il giorno dai camion (di massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate) provenienti da Nord e diretti a Como.

Marcello Dubini

Nella foto:
Uno dei numerosi cartelli danneggiati all’interno del tunnel che collega Cernobbio a Moltrasio (Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.