San Giovanni resti scalo internazionale

Il futuro della stazione di Como

Leggo della grave assurda falcidia di treni internazionali in fermata a Como.
Negli anni ’80 segnalavo al sindaco di Como, Antonio Spallino, la necessità di realizzare una stazione ad Albate, dopo l’uscita della Monte Olimpino 2, per il pericolo di un by-pass di San Giovanni dopo l’apertura del Gottardo di Base.
Fino ai primi anni 2000 si discuteva della concorrenza tra Como, Chiasso, Lugano, Bellinzona quali stazione a valle del portale Sud.
Il sindaco Alberto Botta proponeva al riguardo una trattativa con Chiasso per una alleanza in tal senso. Giustamente, allora, la fermata di Monza era sempre stata esclusa dal servizio internazionale vista la distanza di 10-15’ da Milano  e visti i numerosi collegamenti ferroviari, metropolitani, tramviari.
Ora vedo che sette Eurocity fermeranno a Monza.
Forse che la giustificazione risiede nel potenziale interscambio con Lecco? Oppure con Sondrio?
Come confrontare il peso turistico di Como con l’altra sponda del lago o con la Valtellina, il cui esiguo turismo internazionale forse è riscontrabile solo nell’alta valle, priva comunque di collegamento ferroviario?
Ricordo che Como è stata, fino a non molti anni fa, la 15esima stazione ferroviaria italiana.
La stazione di Como è da decine di anni stazione internazionale, nota alle reti ferroviarie europee e alle correnti turistiche fin dal 1700.  
La derivazione progressiva dei servizi locali e internazionali a favore di altre direttrici regionali secondarie rappresenta una vera e propria corda al collo di Como che finirà per strangolare il turismo lariano.
Credo che sarebbe ora di reagire vigorosamente, di far capire a chi ragiona solo in veste localistica – varesini, lecchesi, e ora anche valtellinesi – che anteporre logiche di paese a valori nazionali è solo controproducente e finirà per creare un danno irreparabile all’intera economia italiana.
cesare.coerezza@gmail.com

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.