Sanità, scuola e famiglie insieme per affrontare i disturbi dell’apprendimento

Un momento del convegno di oggi all'ospedale Sant'Anna © | Un momento del convegno di oggi all’ospedale Sant’Anna

Sanità, Scuola e famiglie insieme per affrontare in maniera nuova i disturbi dell’apprendimento. Sono stati oltre 200 i partecipanti al convegno organizzato dall’Asst Lariana
dal titolo  “Disturbi di apprendimento e disagio giovanile nelle scuole secondarie: cooperare per l’integrazione e l’autonomia”, che ha ospitato nell’Auditorium dell’ospedale Sant’Anna esperti provenienti dal mondo sanitario, scolastico e legislativo che hanno messo in evidenza le progettualità messe in atto nelle province di Como e Varese.

Si tratta di un patrimonio condiviso di competenze e modelli di integrazione necessario per formulare interventi specifici nelle scuole e ricorrere all’invio in Neuropsichiatria Infantile per casi selezionati, in linea con le indicazioni dell’Accordo Stato/Regioni del 25/07/2012. E soprattutto per migliorare  e potenziare le azioni nelle scuole secondarie inferiori e superiori. Il convegno, rivolto ai referenti Dsa delle scuole delle province di Como e Varese, a tutti i docenti delle scuole secondarie, alle famiglie, ai medici, agli psicologi e agli operatori sanitari, ha messo in evidenza le problematiche legate a dislessia, disortografia e discalculia e offerto un focus sulle iniziative messe in atto per la diagnosi precoce e la formazione dei docenti. I professionisti comaschi e varesini sono anche la lavoro per stilare un vademecum che consenta un più veloce inquadramento dei Dsa e farsi carico al meglio delle conseguenze di mancate o tardive diagnosi, che vanno dalle problematiche psicologiche dei bambini o ragazzi all’abbandono scolastico.

Nell’ottobre del 2017, grazie a un tavolo di lavoro interistituzionale, è stata avviata una sperimentazione che ha coinvolto 26 scuole dell’infanzia e primarie, 13 in provincia di Como e altrettante a Varese, proprio per intervenire il più presto possibile e seguire alunni e famiglie in un percorso efficace di presa in carico multidisciplinare. I disturbi dell’apprendimento a livello nazionale sono rilevati nel 3-3,5% della popolazione scolastica della scuola primaria e arrivano al 9% nella scuola secondaria di primo grado. “Molto si può ancora fare – hanno sottolineato gli esperti a convegno – per poter intercettare un bisogno non ancora del tutto emerso, anche nelle scuole superiori”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.