Santa Apollonia a Cantù: benemerenze all’insegna dell’arte

S.Apollonia, cantu', bancarelle, benemerenze, sindaco, bizzozzero, Galliano, basilica La consegna delle benemerenze alla Basilica di Galliano (foto Fkd)

I bambini nati nel 2014 e i loro genitori hanno aperto in modo festoso la cerimonia per la consegna delle benemerenze civiche di Cantù, organizzata ieri, nel giorno dedicato alla patrona della Città del Mobile, sant’Apollonia. L’evento si è svolto nella basilica di Galliano.
Il sindaco di Cantù, Claudio Bizzozero, ha poi assegnato due nuove benemerenze civiche. Per il settore economia, il riconoscimento è andato all’Istituto Statale d’Arte “Melotti”, «per aver svolto in 130 anni di attività un ruolo fondamentale per lo sviluppo economico e culturale del territorio». Onorificenza alla memoria invece per il settore cultura a Paolo Minoli, scomparso nel 2004, «per l’alto valore della sua attività artistica e per l’importante contributo alla vita culturale e alla valorizzazione dell’arte nella città di Cantù».
Durante la cerimonia sono state confermate le cittadinanze benemerite a due cittadini onorari di Cantù: il prevosto don Lino Cerutti, «per il ruolo di assoluto rilievo che svolge in ambito culturale e sociale oltre che per l’intensa attività pastorale», e la bandiera della Pallacanestro Cantù Carlo Recalcati «per ciò che rappresenta per la città in ambito sportivo e per i valori umani che hanno sempre caratterizzato il suo agire».
Encomio personale infine ai volontari della protezione civile Giovanni Luca Celani e Ivan Melzi che, il 13 novembre scorso, durante l’ondata di maltempo hanno salvato tre persone rimaste bloccate nella loro auto sommersa dall’acqua.
Per l’intera giornata, in via Manzoni è stata allestita la tradizionale fiera di Sant’Apollonia, appuntamento fisso per i canturini e non solo. Le bancarelle sono state prese d’assalto da centinaia di persone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.